Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero: vivo plauso alle forze dell’ordine. Catturati rapinatori seriali dell’area collinare

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero: vivo plauso alle forze dell’ordine. Catturati rapinatori seriali dell’area collinare

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

         “ Esprimo un vivo plauso alle forze dell’ordine che, intensificando, in questo periodo, il controllo sul territorio, hanno arrestato i rapinatori seriali che, stando alle notizie di cronaca,  avevano messo a segno nell’area collinare della Città ben quattro rapine in mezz’ora – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che, nei giorni scorsi, a seguito della recrudescenza dei fenomeni delinquenziali nell’area collinare della città, aveva chiesto d’indire un’apposita riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica -. Auspico che vengano intensificate le attività di prevenzione anche avvalendosi di sistemi come la videosorveglianza, incentivando pure i condomini che, attraverso apposite convenzioni, potrebbero dotarsi di sistemi di videocontrollo, oltre che con un coordinamento ottimale tra polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili urbani, specialmente nei fine settimana “.

 

 

         “ Il Vomero rischia di diventare il fulcro delle attività di una malavita sempre più agguerrita – prosegue Capodanno -. Per questo bisogna dedicare una particolare attenzione al quartiere collinare. Anche per quanto riguarda specificamente le attività produttive. Da più parti infatti si levano voci circa l’utilizzo del Vomero quale “lavanderia” del danaro sporco ricavato da attività e da traffici illeciti. Un aspetto che troverebbe conferma anche nella scomparsa progressiva delle cosiddette botteghe storiche che, dopo decenni di attività, stanno abbassando le saracinesche. In un momento di crisi economica infatti, il problema degli elevati costi di gestione, non sopportabili a fronte dei diminuiti ricavi, non dovrebbe esistere solo per loro “.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)