Privacy Policy politicamentecorretto.com - Onorevole Giuseppe Angeli

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Onorevole Giuseppe Angeli

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Risposta all’interrogazione scritta n° 4-02784
Da parte del  Ministro del Lavoro e della Previdenza sociale Cesare Damiano
Pervenuta presso l’Ufficio dell’Onorevole Angeli Giuseppe in data 21/09/2007

Testo dell’ interrogazione:

ANGELI. - Al Ministro del Lavoro e della previdenza sociale. - Per sapere - premesso che:

riscuotere la pensione italiana in Argentina costa molto e il totale importo viene trasformato in dollari Usa al cambio vigente nel giorno di riscossione;

la Banca che eroga la pensione trattiene una percentuale dell'1,15 per cento per la propria commissione e su tale cifra viene addebitata al pensionato l'IVA del 21 per cento;

le spese sono tutte a carico del pensionato anche se costui abita in una zona impervia della Nazione ospitante;

non sempre l'erogazione del dovuto assegno pensionistico giunge in Argentina, in questo caso, nei tempi dovuti -:

• Si chiede:

se non sia possibile evitare che l'importo della pensione sia decurtato delle suddette ritenute;

perché il pensionato è obbligato a riscuotere la sua pensione in dollari Usa e non in valuta corrente nel Paese in cui dimora;

perché, se dall'Italia viene inviata una somma in euro tramite una delle varie società di trasferimento di denaro, il ricevente riscuote l'importo in euro e con la pensione avviene diversamente;

perché il pensionato debba pagare l'IVA del 21 per cento su un servizio in favore della banca?(4-02784)

 

Risposta:

 

Con riferimento all’interrogazione in oggetto, l’INPS ha fatto, preliminarmente, presente che l’Istituto Centrale delle banche popolari, è risultato aggiudicatario della gara di appalto per l’affidamento del servizio di pagamento delle pensioni all’estero.
 Con l’espletamento della nuova gara si è cercato di migliorare la qualità del servizio nei confronti dei pensionati italiani residenti all’estero attraverso la personalizzazione dei servizi offerti.
 A tale scopo, accogliendo le richieste da più parti rappresentate circa il pagamento delle commissioni bancarie e i tempi di erogazione delle pensioni, sono state introdotte dall’INPS una serie di innovazioni quali: moneta di pagamento l’Euro o valuta locale, pagamento il primo giorno utile del mese, modalità di pagamento con accredito in conto corrente, oppure in contanti allo sportello, bonifico bancario domiciliato, card, massima diffusione territoriale della rete bancaria estera, importo della pensione esente da qualsiasi commissione, servizi di assistenza diretta al cliente, servizi di front-office presso la Struttura delle convenzioni internazionali, implementazione delle procedure informatiche relative alle nuove modalità di pagamento e scambio telematico dei dati con gli Istituti di credito, informazioni sullo stato della pensione nelle 24 ore successive alla richiesta.
 L’istituto ha comunicato, poi, che per quanto concerne la riscossione della pensione in Argentina, la Banca corrispondente dell’Istituto delle Bnache Popolari italiane è il banco ITAU con una rete di 1725 sportelli dislocati su tutto il territorio argentino.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie