Privacy Policy politicamentecorretto.com - ON. FABIO PORTA, PRESIDENTE COMITATO ITALIANI NEL MONDO:A MARCINELLE PER RINNOVARE L’IMPEGNO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO E PER LA SOLIDARIETA’ TRA TUTTI I MIGRANTI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ON. FABIO PORTA, PRESIDENTE COMITATO ITALIANI NEL MONDO:A MARCINELLE PER RINNOVARE L’IMPEGNO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO E PER LA SOLIDARIETA’ TRA TUTTI I MIGRANTI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

L’On. Porta assieme ad una ristretta delegazione di parlamentari accompagnerà il Presidente della Camera nel luogo simbolo del sacrificio del lavoro italiano nel mondo.

 

 

La ricorrenza della tragedia di Marcinelle, anche se sono passati pochi anni da quando è diventata la giornata del sacrificio del lavoro italiano nel mondo, è vissuta ormai in tutto il pianeta come occasione di ricordo dei caduti sul lavoro e momento di solidarietà e di unione degli emigrati italiani nel mondo. Dovremmo dire ormai di solidarietà e unione di tutti i migranti, visto che noi emigrati italiani, pur essendo la componente  più diffusa e più continua nel tempo, siamo tuttavia solo una delle espressioni delle migrazioni contemporanee. L'atto profondo ed emozionante che Papa Francesco ha compiuto con la sua visita a Lampedusa, inoltre, ci ha fatto capire come sia sempre necessario dare un senso etico ai rapporti con i migranti e quale irreparabile perdita di umanit�� si celi dietro posizioni e politiche che tendono a respingere e a separare, anzich é ad accogliere e a unire.

Da tragedie come quelle di Marcinelle, Monongah, Mattmark e da tanti altri piccoli e grandi incidenti sul lavoro che i migranti hanno incontrato nel loro cammino o dai naufragi cui sono andate incontro la Sirio e tante altre navi in rotta verso nuove terre di lavoro, il messaggio che arriva a noi è quello di un impegno senza condizioni per la sicurezza sul lavoro e contro lo sfruttamento dei migranti, ieri come oggi. Nello stesso tempo, la nostra attenzione �� rivolta a coloro che, di nuovo, si trovano nella necessità di rispondere ai bisogni della vita e al desiderio di futuro abbandonando il loro Paese e investendo le loro energie umane e professionali in altre realtà. Anche se le situazioni sono oggi diverse dal passato, non deve mai più accadere che ognuno debba compiere il suo difficile percorso di insediamento e di integrazione in solitudine, senza poter contare sulla solidarietà degli altri migranti e sulla responsabilità delle istituzioni.

La presenza quest'anno a Marcinelle del Presidente della Camera on. Laura Boldrini, che assieme ad altri colleghi accompagnerò in questo suo viaggio, è un atto politico giusto e profondo, un segnale di attenzione e di rispetto verso il retroterra emigratorio degli italiani. Nello stesso tempo, è un richiamo alla responsabilità delle istituzioni verso vecchi e nuovi migranti, un segnale importante che mi auguro possa avere sviluppi nel lavoro parlamentare.

E’ un nostro dovere di eletti, ma è soprattutto il riconoscimento a quanti con il loro lavoro e il loro sacrificio hanno aiutato l’Italia a diventare moderna e tanti paesi del mondo a trovare una loro strada di sviluppo e di coesione sociale.

 


ITALIA
Camera dei Deputati
Palazzo Marini II
Via Poli 13 - 00187 Roma
Tel.: +39.06.6760.5801
Fax: +39.06.6760.5832
E-mail: porta_f@camera.it

Invia commento comment Commenti (0 inviato)