Privacy Policy politicamentecorretto.com - Leva: "Un progetto per riformare la Giustizia ma Berlusconi non ci condizionerà"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Leva: "Un progetto per riformare la Giustizia ma Berlusconi non ci condizionerà"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

 


"Vogliamo l`abolizione dell`ergastolo. E la custodia cautelare va valutata caso per caso" – Intervista di Alberto Custodero, la Repubblica
di Danilo Leva,  pubblicato il 10 agosto 2013 , 683 letture
 inShare0
«Pensiamo all`abolizione dell`ergastolo. E all`introduzione di nuovi reati come falso in bilancio, tortura e autoriciclaggio». I1 deputato Danilo Leva, presidente del Forum Giustizia del Pd, spiega i pilastri sui quali i democratici poggiano il loro progetto di riforma del sistema giudiziario italiano.

Qual è lo spirito della riforma vista dal Pd?
«Abbiamo l`idea di una giustizia che alzi la voce con i forti. E non solo con i deboli. La riforma, però, non può essere l`appendice ai problemi personali del Cavaliere, né può essere una sorta di maschera dietro la quale nascondere la richiesta della sua impunità. Né, tantomeno, l`oggetto di un patto segreto di scam bio per tenerein piedi questo governo».

Dopo queste doverose premesse, su quali punti non siete disposti a trattare con il Pdl?
«La riforma deve partire dal rispetto della Costituzione senza modificare il titolo Quarto. Su questo terremo duro. Però siamo disponibili ad aperture».

Su quali punti c`è margine di trattativa con il partito di Berlusconi che, soprattutto dopo la sentenza Mediaset, invoca una riforma "punitiva" per i magistrati?
«A proposito del controverso tema dell`organizzazione della magistratura, siamo contrari alla separazione delle carriere. Ma disponibili a ragionare su norme ordinarie che possano rafforzare la distinzione delle funzioni. Ma, ripeto, senza minare l`autonomia e l`indipendenza della magistratura».

Si fa un gran parlare di riforma della custodia cautelare. Qual è la posizione del Pd?
«Credo sia ormai improcrastinabile una modifica dell`istituto della custodia cautelare. Nel nostro Paese spesso se ne fa un uso improprio senza contare la correlazione con il sovraffollamento delle carceri. La nostra proposta è eliminare le ipotesi normative che la dispongono obbligatoria per titoli di reati, ad eccezione di quelli gravi. Si lascerebbe così a ogni singolo magistrato la valutazione dell`arresto caso per caso, in base all`effettiva pericolosità sociale dell`indagato».

Siete a favore dell`abolizione dell`ergastolo?
«Sì, va reso effettivo l`articolo 27 della Costituzione secondo il quale lo Stato non può rinunciare a priori alla rieducazione e al recupero del condannato. Va eliminata la formula "fine pena mai" e sostituita con una pena massima di trent`anni».

E sull`azione disciplinare, altro argomento usato dal Pdl per "intimidire" la magistratura, cosa proponete?
«Epossibile ragionare per una soluzione in grado di portare l`esercizio dell`azione disciplinare in capo a un giudice terzo o comunque a una sezione distinta».

Come pensate di ridurre i tempi della giustizia in particolare nella sezione civile?
«Va completata su tutto il territorio nazionale l`informatizzazione del processo. Quindi, ci vuole il superamento della frammentazione dei riti: non è possibile costringere i cittadini a passare da un giudice del lavoro a uno civile, poi amministrativo, poi magari fallimentare. Ci vorrebbe una maggiore semplificazione e unitarietà dei riti».

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 17 Agosto, 2013 11:31:22
    Educatamente si debbono rispettare le idee altrui ma certe volte si é costretti a rispondere.ome tratterest il caso di Toto´Riina.Come vorreste fare per quela coppia che ha ucciso un bambino di tre anni ?E come fareste per tutte le altre cose.? In questo modo, ahimé, non si puo che incoraggiare la delinquenza.Lascio il resto dei commenti ai lettori.