Privacy Policy politicamentecorretto.com - Da giovedì 5 a domenica 15 settembre torna il Talos Festival di Ruvo di Puglia ideato e diretto dal trombettista e compositore ruvese Pino Minafra

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Da giovedì 5 a domenica 15 settembre torna il Talos Festival di Ruvo di Puglia ideato e diretto dal trombettista e compositore ruvese Pino Minafra

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Forte delle circa 20mila presenze registrate nell'edizione 2012, quando dopo anni di assenza il festival aveva ritrovato la sua forza progettuale tornando nelle mani del suo ideatore, il Talos offre anche quest'anno un cartellone ricco di concerti, produzioni originali, mostre e masterclass affermandosi ancora una volta come una delle manifestazioni più apprezzate e riconoscibili a livello nazionale ed europeo.
Realizzato dal Comune di Ruvo di Puglia con il sostegno di Regione Puglia, Provincia di Bari, Pro Loco Ruvo di Puglia, Associazione Terra Gialla, GAL Murgia Più e Parco Nazionale dell'Alta Murgia, con il sostegno di piccoli ma fondamentali sponsor privati, il festival si ripresenta nella sua antica veste di traino culturale del territorio, veicolo delle tradizioni musicali pugliesi su scala internazionale e motore di sperimentazione di nuovi linguaggi.
Sulla scia del discorso iniziato lo scorso anno, anche in questa edizione ruolo fondamentale avrà la banda, patrimonio del sud di assoluta unicità che oggi più che mai merita di essere riscoperto e valorizzato per il ruolo educativo e formativo che ha avuto per intere generazioni di musicisti e per la capacità che ha storicamente dimostrato di riuscire a portare la grande musica in luoghi spesso depressi e isolati, facendo scoprire il grande patrimonio lirico italiano e le grandi sinfonie, attraverso un suono nuovo e originale.
La banda, dunque, rappresenta le radici su cui il festival si fonda, ma diventa al contempo strumento di incontro e sperimentazione, soggetto di nuove produzioni, creatrice di nuovi linguaggi.
Attorno al fenomeno della banda, il Talos Festival si strutturerà in due parti; un'anteprima in Largo Cattedrale, a ingresso gratuito, dal 5 all'11 settembre, dedicata alle bande che si sono formate all'interno di istituzioni culturali; e il festival internazionale in Piazzetta Le Monache, dal 12 al 15, con i grandi ospiti italiani e internazionali.
In entrambe le sezioni saranno eseguite in prima assoluta le produzioni originali realizzate espressamente per il Talos. Negli undici giorni di programmazione si alterneranno, tra gli altri, Moni Ovadia, Taraf De Haidouks, Kocani Orkestar, Gianluigi Trovesi & Gianni Coscia, Luciano Biondini & Javier Girotto, MinAfric Orchestra con Livio Minafra e Faraualla, Giancarlo Schiaffini, Sebi Tramontana, Gabriele Mirabassi e Roberto Taufic, Vince Abbracciante, Vincenzo Deluci, Orchestra di Fiati Nicola Cassano di Ruvo di Puglia, Orchestra di Fiati Città di Cisternino,Orchestra MusicaInGioco, Banda del Conservatorio Nino Rota di Monopoli, Big Band del Conservatorio Duni di Matera, Giorgio Albanese, Enver Izmailov, Fanfara del Comando Scuola Aeronautica Militare Terza Regione Aerea di Bari.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)