Privacy Policy politicamentecorretto.com - Napoli: chiuso il parco Mascagna. La protesta dei cittadini

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Napoli: chiuso il parco Mascagna. La protesta dei cittadini

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Napoli: chiuso il parco Mascagna. La protesta dei cittadini

 

 

 

            Una brutta sorpresa per le migliaia di residenti dell’area collinare del capoluogo partenopeo che si sono trovati stamani davanti ai cancelli sbarrati di uno dei pochi polmoni a verde pubblico a disposizione dei cittadini, il parco Mascagna, già noto come giardini di via Ruoppolo.

 

            “ Nei giorni scorsi avevo sottolineato lo stato di degrado e di abbandono di questo parco comunale, con aiuole brulle ridotte a campi in terra battuta pubblicando al riguardo anche un filmato ed auspicando l’intervento immediato dell’amministrazione comunale per i necessari  lavori di manutenzione (http://www.napolitoday.it/blog/vomero/napoli-parco-mascagna-degrado-e-abbandono-video.html ) – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Stamani, invece, insieme a centinaia di cittadini ci siamo ritrovati di fronte all’impossibilità di accedere al parco dal momento che tutti i cancelli risultavano chiusi “.

 

            “ L’aspetto che lascia quantomeno perplessi trattandosi di un’area pubblica è che sull’ingresso posto in via Ruoppolo non vi era nessuno avviso che motivasse la chiusura e la durata del disservizio, con la firma di un responsabile – puntualizza Capodanno -. Da qui la protesta di centinaia di persone, che intanto si erano accalcate nell’area antistante, sempre più inviperite per la mancanza di notizie ufficiali. Qualcuno ha provato a scavalcare la recinzione e per sedare gli animi sono dovute intervenire le forze dell’ordine “.

 

            “ Pare – continua Capodanno – che la chiusura dell’intero parco sia stata determinata da una perdita d’acqua nei locali adibiti a servizi igienici, che si trovano in un’area decentrata all’interno del parco “.

 

            “ Una perdita così cospicua da non poter essere riparata in tempi brevi, con un’interruzione temporanea del solo utilizzo dei servizi igienici, per il tempo strettamente indispensabile per gli interventi di riparazione – chiede Capodanno -? Era proprio necessario chiudere l’intero parco, lasciando le migliaia di persone che abitualmente frequentano il parco fuori dai cancelli? Sono stati fatti gli opportuni sopralluoghi dai tecnici comunali? E con quali risultati ? Ed infine, chi ha disposto la chiusura e con quali motivazioni? “.

 

            Domande che attendono una risposta e rispetto alle quali Capodanno chiede che vengano effettuati le opportune indagini da parte di tutti gli organi competenti.
Filmato al link: http://www.youtube.com/watch?v=yfVVe-SqtxU

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie