Privacy Policy politicamentecorretto.com - Interrogazione ESODATI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Interrogazione ESODATI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Interrogazione

Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali


Premesso che

nonostante svariati interventi legislativi di sanatoria, il problema dei cosiddetti “esodati” resta lontano da una adeguata e giusta soluzione;

il Ministro del lavoro e delle politiche sociali in occasione della conversione in legge del decreto-IMU, ha trovato fondi per altri 6500 lavoratori “esodati”, tuttavia risultano ad oggi necessari ulteriori interventi per salvaguardare altre fasce di “esodati” ante-riforma Fornero rimasti senza tutela;

particolarmente grave e allarmante appare il caso di una platea di lavoratori, per altro relativamente limitata che, dopo una vita di onerosi contributi volontari versati all’INPS, si trovano a maturare i 40 anni di contribuzione nell’ultimo bimestre del 2013, con la prospettiva però che, data la “finestra” di 14 mesi di Tremonti-Sacconi, iniziare a percepire effettivamente la pensione secondo le regole pre-riforma Fornero, solo nel febbraio-marzo 2015, rimanendo così a causa di un deficit di pochi giorni,   per un lungo periodo , senza tutela;

l’ingiustizia dello iato fra maturazione del diritto, nel 2013 e effettiva riscossione della pensione, nel 2015, chiede uno sforzo di soluzione del problema;

si chiede di sapere

quali atti il Governo intenda porre in essere per ovviare ad una situazione di potente ingiustizia ai danni dei lavoratori di cui in premessa, che chiedono solo il rispetto dei loro diritti e delle loro aspettative, dopo aver maturato 40 anni di contribuzione previdenziale proprio nell’ultimo bimestre del 2013.


Puppato 

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data silvio53, 26 Settembre, 2013 20:33:12
    Iniziativa Puppato corretta ed il linea con l’esigenza di risolvere il dramma Esodati, prodotto dall’improvvida riforma Fornero. Ritengo, peraltro, indispensabile che il Governo affronti e risolva due temi cardine che oggi ostano ad una equa e doverosa correzione di un provvedimento iniquo ed incostituzionale: 1)La salvaguardia va garantita oggi e realizzata in modo progressivo nei confronti di tutti i lavoratori che, in buona fede ed in virtù di leggi dello Stato allora vigenti, hanno sottoscritto un accordo di esodo con la propria azienda entro il 31 dicembre 2011, cioè prima della nuova riforma pensionistica. 2)Il termine temporale progressivo di inclusione dei salvaguardati deve fare riferimento alla “maturazione del diritto” e non alla “decorrenza del trattamento”. Questa dilazione temporale (finestra 12mesi) introdotta da Tremonti-Sacconi è incostituzionale e la stessa riforma Fornero ne ha previsto il superamento. Uno Stato etico e democratico ha il dovere morale e politico di porre rimedio a simili iniquità!
  • Inviato in data Guido53, 25 Settembre, 2013 20:44:11
    L' interrogazione della Sen.Puppato è meritoria e sacrosanta perchè mira a sanare una delle più gravi illegalità irrisolte della legge Fornero sulle pensioni.Gli esodati contributori volontari che maturano 40 anni di contribuzione a novembre-dicembre 2013 sono oggi FUORI TUTELA e per qualche settimana sono condannati a rimanere 5/6 anni senza pensione, dopo ben 40 anni d contributi e onerosi pagamenti fatti personalmente ad INPS.Una ingiustizia gravissima che va sanata urgentemente dal Parlamento, fin dalla conversione in legge del decreto di tutela dei 6500 licenziati