Privacy Policy politicamentecorretto.com - La forza innovativa della Finlandia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La forza innovativa della Finlandia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 Dalla metà degli anni Novanta la Finlandia è diventata un paese fortemente innovativo grazie allo stretto legame con le nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione.
L’immagine  è quella di un paese all’avanguardia, aperto al commercio internazionale e pronto per affrontare le turbolenza causate dalla globalizzazione.
Dopo una grave crisi negli anni 80, generata dallo strettissimo  rapporto commerciale con l’Unione Sovietica ed acuita dalla caduta del Muro di Berlino, la Finlandia ha saputo rialzare la testa specializzandosi in prodotti di altissima tecnologia ed incentrando vaste risorse nella ricerca e sviluppo.
Senza dubbio il grande contributo alla crescita del paese è da attribuire alla società Nokia, impresa di telefonia cellulare che per prima ha saputo sfruttare la commercializzazione del telefono digitale come consumo di massa, battendo la concorrenza di Ericsson e Motorola.
Quando nel 1988 la Comunità Europea adottò lo standard Gsm, la Ericsson scelse di concentrarsi sui sistemi di telefonia  fissa  e Motorola decise di creare  cellulari analogici, pur possedendo i brevetti per utilizzare  le trasmissioni in digitale. Grazie a questi errori di vision delle sue concorrenti, Nokia è divenuta in brevissimo tempo leader mondiale del settore creando un’impresa rete orientata a valorizzare il rapporto con il consumatore. In questo modo sfruttando il prestigio internazionale  di Nokia ,la Finlandia ha potuto beneficiare negli ultimi dieci anni di cospicui investimenti di capitale straniero che hanno fatto crescere l’economia del paese.
La Finlandia è stata agevolata, nella sua scalata verso le vette tecnologiche, da un settore delle telecomunicazioni  già liberalizzato nel 1886 e sviluppato per contrastare il mercato centralizzato della Russia imperiale.
Inoltre nella capitale Helsinki è stato creato un prestigioso sistema universitario che ha favorito la crescita di lavoratori altamente specializzati e all’avanguardia nel settore delle telecomunicazioni.
Gli unici risvolti negativi sono l’altra faccia della medaglia della sua forza, la presenza di un’impresa fortissima come Nokia spinge le altre a fungere da  semplici nodi che dipendono dalla sede centrale, prive di  flessibilità strategica e di posizioni di mercato indipendenti

Invia commento comment Commenti (0 inviato)