Privacy Policy politicamentecorretto.com - URANIO IMPOVERITO: SI RIPRISTINI SUBITO LA COMMISSIONE D'INCHIESTA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

URANIO IMPOVERITO: SI RIPRISTINI SUBITO LA COMMISSIONE D'INCHIESTA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

capogruppo Pd commissione Giustizia

 

 

"Venga istituita anche in questa legislatura la Commissione d'inchiesta sui casi di morte e gravi malattie per uranio impoverito". A chiederlo è il senatore Felice, Casson, capogruppo Pd in commissione Giustizia, che ha presentato un disegno di legge affinchè continui il lavoro iniziato dal Parlamento nel corso delle passate legislature.
"Credo che sia un dovere - spiega Casson - che come parlamentari abbiamo nei confronti delle vittime e dei loro familiari, di coloro che sono rimasti colpiti da diverse patologie dovute all'esposizione. Dalle conclusioni delle Commissioni che hanno lavorato nel corso della XV e XIV legislatura è infatti chiaramente emersa la necessità di approfondire le questioni legate all'utilizzo dell'uranio impoverito da parte di qualsiasi forza armata, nonché in ordine alla eventuale presenza di fattori concausali che abbiano a che fare con lattività bellica in questione. Importanti e delicate indagini sia mediche, sia biologiche, sia epidemiologiche, devono ancora essere terminate e per questo è necessario che vi sia una commissione parlamentare che le possa acquisire e monitorare".
"Gli ulteriori casi di malattie e di morti - conclude il senatore del Pd - sia militari che civili, di ritorno dalle missioni non solo in Somalia e nei Balcani, ma anche negli altri scenari bellici che hanno interessato l'Italia fin dall'inizio degli anni novanta, impongono di procedere celermente. La malattia e le sofferenze che hanno colpito nostri incolpevoli concittadini e le loro pressanti richieste di verità e di giustizia non possono non essere accolte proprio dall'organismo istituzionale che maggiormente li rappresenta. E' un dovere che abbiamo nei confronti di tutte le vittime, sia militari che civili, e nei confronti dei loro familiari".
 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)