Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero, ponte di via Cilea: ancora una fumata nera

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero, ponte di via Cilea: ancora una fumata nera

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

         “ E’ dall’aprile 2011, quando alcuni dissesti si manifestarono sul ponte di via Cilea al Vomero, che è in vigore un dispositivo di traffico che vieta il passaggio su detto ponte di veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, anche con un limite massimo di velocità di 10 km/h – ricorda Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Da allora, vale a dire da ben 28 mesi, anche alcune di linee di trasporto pubblico su gomma, segnatamente, le linee 130, 181, C31 e C32 non vi possono più transitare, avendo cambiato il loro percorso. Di conseguenza, in una vasta area che si sviluppa intorno a piazza Vanvitelli, tra via Cimarosa e via Bernini, a disposizione dei cittadini, restano solo le navette della V1 e della C36  con la necessità di dover utilizzare almeno due linee su gomma per raggiungere gli altri quartieri “.

 

         “ Finalmente, dopo tante petizioni e proteste – continua Capodanno – i lavori per il risanamento del ponte, iniziati all’inizio del corrente anno, sembrano completati, al punto che il cantiere sul ponte è stato da tempo smantellato, rendendo transitabile l’intera carreggiata “.

 

         “ A questo punto – prosegue Capodanno - ci domandiamo perché non viene ripristinata anche la viabilità per i mezzi pesanti, in modo da consentire di ripristinare i vecchi percorsi delle linee di trasporto pubblico su gomma, con grande soddisfazione anche degli utenti che in tutto questo periodo di tempo sono risultati fortemente penalizzati dal provvedimento limitativo “.

 

         “ Parrebbe che i ritardi siano determinati da alcuni adempimenti burocratici, ma intanto è iniziato anche il mese di ottobre senza che la situazione sia di fatto mutata – puntualizza Capodanno –. E’ auspicabile che si voglia provvedere in tempi rapidi in modo che si possa procedere nei prossimi giorni a ripristinare la viabilità per tutti i veicoli, compresi i mezzi su gomma dell’ANM, eliminando anche l’attuale limite massimo di velocità. In tale direzione lanciamo l’ennesimo appello all’amministrazione comunale partenopea “.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)