Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Contro l'odio sul web regole precise e coinvolgimento della società civile"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Contro l'odio sul web regole precise e coinvolgimento della società civile"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

"Contro l'odio sul web regole precise e coinvolgimento della società civile"

Laura Garavini (PD) discute un'interrogazione sul neofascismo in I Commissione

 

"Le seguitissime pagine Facebook di matrice neofascista da me segnalate nell’interrogazione al Ministro dell'Interno sono state rimosse, e questo è senz’altro positivo. Tuttavia, ne rimangono in rete molte altre e nel frattempo ne sono state create di nuove. È necessario chiedersi cosa si possa fare per arginare questo fenomeno, particolarmente pericoloso per le giovani generazioni.

 

Il problema va affrontato prevedendo uno specifico quadro normativo e rafforzando i controlli delle forze dell’ordine. Innanzitutto, il Governo dovrebbe mettere a punto, anche tramite decretazione d’urgenza, una normativa ad hoc che riguardi il fenomeno dell’odio sul web. Sul fronte dei controlli sarebbe opportuno costituire una specifica task force, affidata magari ad addetti opportunamente addestrati a difendere i valori democratici e i diritti delle persone, che monitori il cosiddetto cyberhate. A essa dovrebbe essere affidato il compito di perseguire in modo mirato chi si renda colpevole di incitamento all’odio e alla violenza, nonché di intrattenere un rapporto continuo con gli uffici legali dei diversi social network e motori di ricerca, in modo da sollecitare ed ottenere la rapida rimozione di contenuti razzisti, sessisti, omofobi e, più in generale, eversivi.

 

Ma rispetto ad un numero giornaliero di circa 17 milioni di utenti Facebook italiani è chiaro che non è immaginabile potere individuare ogni singola espressione di odio via web. Ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione, coinvolgendo e sensibilizzando la società civile ad impegnarsi contro l’odio su internet. Attraverso progetti ad hoc, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, bisogna rivolgersi soprattutto alle giovani generazioni, sensibilizzandole alla difesa dei diritti umani, alla lotta alle discriminazioni e ad attivarsi in prima persona contro forme di violenza online". Lo ha detto Laura Garavini, deputata del PD eletta nella circoscrizione Europa, illustrando la sua interrogazione in Commissione Affari Costituzionali.

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)