Privacy Policy politicamentecorretto.com - Liberalizzazione economica

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Liberalizzazione economica

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

Il governo ha varato una seconda serie di provvedimenti, in parte volti a liberalizzare la nostra economia in parte ad accrescere la tutela per i consumatori. Ci sono due cose che rallentano la nostra economia. La burocrazia, che va ridotta in tutti i settori (le banche, spendono molto soltanto nella burocrazia) e i monopoli, che portano a un controllo dei prezzi e a una minore libertà.
La liberalizzazione è un passo in avanti, ma bisogna essere attenti nelle regole di attuazione. Occorre creare più concorrenza senza danneggiare le imprese italiane, cioè, come accade in paesi quali la Francia e gli Stati Uniti, bisogna creare concorrenza e privatizazzioni con un impegnandosi a proteggere le aziende Italiane. Così come ha fatto il precedente governo dell'Onorevole Silvio Berlusconi con la Fiat, ora bisognerebbe fare con l'Alitalia, Telecom e Fastweb, in modo tale da evitare che le imprese straniere acquistino le azioni e il controllo delle nostre aziende.


 http://www.milanofinanza.it/talkback/oetDomande.asp?Id=200703151228041858

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Anthony Ceresa, 12 Febbraio, 2013 13:59:03
    IL DIFFICILE TEMA DEL MOMENTO “HAI DECISO PER CHI VOTARE?” Manca poco alle elezioni. Hai scelto per chi votare, o sei ancora indeciso? Scegliere Lui, Lei o il Cane è indifferente, perché ultimamente anche i cani sono entrati in politica in aiuto dei loro padroni, con una silente nozione di civiltà, sostenendo che le scelte elettorali non devono basarsi sulla simpatia dei Candidati abbracciati ai Cani, oppure sugli interessi personali, sui Titoli Accademici, o peggio ancora sulla pubblicità martellante, ma in considerazione del fatto che il Paese da sempre Governato da grandi incoscienti super dotati all’egoismo, è arrivato al bivio finale dove la parola d’ordine è soffrire tutti insieme o abbandonare il Paese al proprio destino. Il momento che stiamo vivendo, aggravato dalla presenza dei Professori senza le reali capacità Politiche tecnico programmatiche, pone domande e risposte serie per una Politica che auspichiamo improntata su nuovi programmi che ancora non appaiono, abbandonando quella cinquantennale ipocrisia Politica e Spirituale, dove gli scandali si susseguono senza l’adeguato intervento della Giustizia, dove i più grandi criminali quando presi con le mani nel sacco, sventolano l’immunità Politica o il Passaporto di Stato Estero. E’ un fatto pienamente accertato che la Politica ha distrutto il Paese non soltanto Economicamente, ma molto oltre, penetrando nel profondo del pensiero dell’uomo, diffondendo la paura di formare una famiglia, mettere al mondo degli infelici, perdere la Fede, acquistare un bene immobile senza conseguenze speculative Istituzionali, dove il futuro è molto più preoccupante del presente, un Paese destinato a divenire una Repubblica di vecchi, amministrata da babbei sorretti con le stampelle della corruzione regolarmente impunita. IL DECALOGO DEI FALLIMENTI POLITICI E’ STATO ABBONDANTEMENTE SUPERATO. Facciamo insieme due conti possibilmente usando la coscienza, in una circostanza dove la Politica del Paese svuota le tasche e la speranza ai cittadini, dove le colpe se ci sono, partono da un passato molto remoto sino ai nostri giorni, senza mai rendere conto ai diretti interessati, giustificandosi che i risultati attuali della Crisi non è nostra, ma proveniente dall’esterno, però se i nostri Politici avessero chiesto consiglio ai cittadini attraverso i referendum, la situazione attuale sarebbe molto diversa. 1) Ci siamo trovati dentro una Comunità capitanata dalla Germania, che falsamente hanno definito Unità Europea, per volontà di uno solo che ha abusato della nostra fiducia, dove paghiamo per l’esattezza 16 miliardi di Euro all’anno, in cambio di Mercedes, BMW, VW, Porsche, Opel e Ford, facendo chiudere le nostre fabbriche e obbligando la Fiat a trovare altre soluzioni di mercato altrove, creando disoccupazione e povertà. 2) La ragguardevole cifra sopra esposta per elemosinare la nostra presenza in Europa, è soltanto una parte delle spese e degli sprechi addebitati ai cittadini, oltre al costo dei nostri Deputati, viaggi, kermesse settimanali, auto, ecc. 3) Ci siamo trovati improvvisamente senza una nostra divisa monetaria sostituita dall’Euro, dove paghiamo interessi e signoraggi esattamente come il pizzo al tempo di Al Capone, con serie conseguenze per la nostra economia. 4) Dopo l’eliminazione della Monarchia (1946), il Paese è cascato apparentemente in disgrazia sotto un sistema Democratico tipico dei Regimi Totalitari di Polizia filo Comunisti, generando confusione e destabilizzazione nell’informazione, con un Reuccio settennale e tanti Partiti spezzatino in supporto del magna tu che magno anch’io, ed una esplosione inarrestabile dei costi della Politica Nazionale, dove ogni desiderio per soddisfare i capricci dei vari Palazzi del Potere, va come da tradizione a gonfiare le imposizioni fiscali alla Nazione con tasse, imposte, e debito pubblico dello Stato. 5) Hanno persino creato un pentolone finanziario dove attingere a volontà, per soddisfare le pazzie della Politica, la quale sino ad oggi ha creato oltre 2 mila miliardi di Euro di debito pubblico in continua ascesa, mentre le famiglie e i lavoratori arrivano a stento alla fine del mese, a causa di un sistema fiscale ed una inflazione camuffata che soltanto nel settore del mattone dagli anni 1970 ad oggi, ossia in 40 anni è cresciuto dell’11.000%. Bau Bau. 6) Ci siamo trovati con il Nucleare poi dismesso col referendum, tanti miliardi sprecati per volontà di uno solo, con scorie radio attive che continuano a produrre sostanziali preoccupazioni e costi. 7) Ci siamo trovati con tanti milioni sprecati e senza il Ponte sullo stretto di Messina, per volontà di uno solo, mentre il Paese frana da tutti le parti. 8) Ci siamo trovati con l’impegno di acquisto di un numero esagerato di super aerei da guerre stellari, gli F35 da oltre 500 milioni ognuno che non servono neanche per i Cartoni di Mickey Mouse, perché oggi giorno si viaggia a cavallo di missili intelligenti con video camera incorporata in cerca del punto preciso di atterraggio. 9) Ci siamo trovati con diversi progetti TAV per volontà di uno solo, in un Paese in grave dissesto Sismico e Idro-Geologico, mentre abbiamo una considerevole rete ferroviaria in frantumi da risanare. 10) Ci siamo trovati con un Governo Centrale più 20 Super Governi Regionali di cui i Deputati tutti dedicati alla bella vita, per volontà di uno solo, con miliardi gettati dalle finestre. 11) Ci siamo trovati con 110 Governi Provinciali per volontà di uno solo. A che cosa servono?? Bau Bau! 12) Ci siamo trovati con 8092 Comuni e migliaia di Uffici Comunali sparsi per le città, con un sostanziale spreco di risorse, mentre la Documentazione con il sistema elettronico non richiede più la riproduzione cartacea. 13) Ci siamo trovati centinaia di migliaia di Consiglieri Nazionali per volontà di uno solo. Considerati una sostenuta tribù di corrotti inutili al Paese. Oltre 250.000 Consiglieri alla ricerca di prebende. Bau Bau! 14) Un sistema Elettronico Referendario, risolverebbe tanti problemi Nazionali nel condurre il Paese al servizio della Comunità, eliminando le sostenute tribù di affaristi ai danni dell’intero Stivale. 15) Urge la creazione di un Ente di contatto fra l’autorità e i cittadini, per risolvere i tantissimi problemi generati dalla Mafia Istituzionalizzata, di cui molti non vedono o non sentono perché ancora immuni da rappresaglie. 16) Ci siamo trovati con numerosi Politici non qualificati che occupano poltrone importanti, e per incapacità sono obbligati a ricorrere a migliaia di Consulenti esterni con ulteriori spese. 17) Ci ritroviamo con un Parlamento e Senato Nazionale con migliaia di bocche sempre aperte in rappresentanza dei personali interessi, presentandosi con tante promesse soltanto in periodo di elezioni e poi spariscono. Se le Leggi devono passare ponendo la fiducia al Governo, il Parlamento e il Senato non servono alla Nazione. 18) Ci ritroviamo con un sistema formato da una infinità di Organizzazioni esterne associate alle Istituzioni, gestite da anime corrotte super rimunerate, le quali si abbuffano e sprecano le risorse del Paese. Un esempio evidente lo IACP, l’ALER, la raccolta della Spazzatura, le forniture di Energia Elettrica e Gas, ecc. 19) Ci troviamo con una Corte Costituzionale che non interviene sulle centinaia di offese alla Costituzione. 20) Ci troviamo con una Corte dei Conti incapace di segnalare al Governo le spese superflue dello Stato e gli sforamenti di spesa pubblica. Ultimamente hanno assunto l’illustrissimo Sig. Bondi per risolvere i problemi che spettano ai vari Ministeri Competenti. Bau Bau. 21) Ci troviamo con decine di Partiti Politici inutili al Paese e tutti mantenuti ai danni dell’Economia Nazionale, formando lo spezzatino che ci ricorda il film: Piccoli Brutti e Cattivi, duri a morire. 22) Ci troviamo con Sindacati collusi fra Politica e Mafia Istituzionalizzata, con milioni di danni al Paese. 23) Ci troviamo con Banche gestite da rappresentanti di Partiti Politici a danno della Comunità, con il tacito assenso dei Sindacati, Opposizioni e i Beati simpatizzanti disinformati. 24) Ci troviamo a mantenere la nostra Banca Nazionale che non serve più a nulla, poiché dipendiamo dalla BCE, ma si continua a mantenere la Banca D’Italia, la Consob, ed altre Istituzioni correlate, facendo passare sotto le scrivanie i grandi fallimenti, scandali ed estorsioni ai finanziatori Privati. 25) Ci troviamo con un Ente Nazionale di Malattia dove la metà delle spese sono rappresentate da furti Istituzionalizzati. Miliardi che vanno in tasche diverse e non a sostegno degli ammalati. 26) Ci troviamo con un Ente Pensionistico Nazionale dove la maggior parte degli esborsi è rappresentato dalle Pensioni d’oro, devolute a persone non meritevoli, invece di livellare un tetto Pensionistico Nazionale. 27) Siamo obbligati a pagare le tasse e non sappiamo come e dove vengono spesi i nostri soldi. 28) Siamo cittadini di questo Paese e non abbiamo nessun diritto alla parola, tacitata dall’uso dei manganelli. 29) Mamma mia quanta porcheria, e se contiamo li scandali, c’è ne sono uno al giorno ben nascosti sino all’esplosione, ed a pagare i danni sono sempre i cittadini, i lavoratori. 30) La Giustizia, non si sa che cosa sia, un cioccolatino, una mela marcia o forse non esiste del tutto, trascinando i processi sino alla prescrizione. 31) La Mafia, un grande capolavoro Politico Italiano, necessario per coprire e discolpare il sistema frode Italia. 32) Da dove veniamo lo sappiamo già, dove ci troviamo anche, ma non sappiamo con esattezza dove e come finiremo. Le previsioni non sono per nulla incoraggianti. 33) Una volta auspicavano che i cittadini fossero tutti capre, per poterli giostrare secondo i propri interessi e questo ha portato l’Italia ad un arretramento di Civiltà. In Italia abbiamo cittadini extra comunitari, provenienti da Paesi sotto sviluppati, che bagnano il naso ai nostri Professori. I popoli latini sono ancora legati a certe tradizioni Religiose che li mantengono schiavi del pensiero nelle azioni sociali e umanitarie ai danni del progresso. 34) Il mondo è giunto alla terza rivoluzione industriale per merito dei popoli liberi e più rispettosi verso la Società, mentre i Latini sono fortemente condizionati da preconcetti Religiosi che frenano il libero progredire dell’umanità. Dalla Bibbia: puoi cibarti di tutti i frutti dell’albero ad eccezione dell’albero della Scienza del bene e del male. Bau Bau. 35) A titolo di esempio: Un problema molto sentito al momento attuale, è causato dalla diversità imposta dalla natura stessa e riguarda gli omofobi meglio definiti Gay, i quali a ragion veduta dei disinformati vengono considerati non come esseri dai normali diritti, ma deprivandoli di ogni bene terreno, mentre sarebbe giusto che anch’essi godano del calore di una famiglia e dei normali diritti nella Società. Si voglia o no, queste diversità vanno considerate come forme naturali di comportamento umano esistenti da sempre e sarebbe ora di regolarizzarle. 36) Esaminando la situazione Politica e sociale del momento, possiamo notare che nel Paese si è sviluppato un senso di profondo rigetto che persiste da diversi anni contro la Politica del malaffare e si fa sempre più accentuata, fin che la barca va, lasciala andare sino all’impatto finale. 37) Sono diversi anni che i Lombardi denunciano un comportamento irregolare dell’ALER Mi, come dipendenza Associativa esterna della Regione Lombardia amministrata da Comunione e Liberazione, collegata al Vaticano, dove il marcio regna felice, ma nessuno osa interessarsi, mentre è un punto fermo per la ripresa del Paese. 38) Nel passato avevamo la fortuna di avere un uomo, un grande imprenditore, il quale da solo rappresentava l’Italia, l’Ingegnere Gianni Agnelli, capace di dialogare civilmente con tutti i Partiti. E’ anche vero che in quel tempo c’erano personaggi Politici molto diversi e più preparati, l’unico partito che allora si manteneva fuori dalle righe era la Democrazia Cristiana, la quale dopo tanti danni arrecati al Paese è stata messa definitivamente a tacere con l’eliminazione del Presidente Aldo Moro. 39) Oggi è diverso, Gianni Agnelli purtroppo ha fatto il suo tempo e possiamo notare come da una parte mancano serietà e onestà politica, dall’altra si è sviluppata una corsa ad occupare le poltrone di comando promettendo di cambiare tutto senza cambiare nulla, mentre la Nazione ha bisogno di un radicale rovescio, direi quasi una rivoluzione per ridare anima al Paese, dove nulla funziona più a dovere, e dove tutti gli errori della Politica vengono addebitati ai cittadini, ai lavoratori. 40) Abbiamo bisogno di Capitali che la mala politica ha fatto fuggire dal Paese, abbiamo bisogno di Imprenditori, abbiamo bisogno di persone oneste e qualificate nei posti di comando, nelle scuole, abbiamo bisogno di Professori molto diversi da quelli attuali, abbiamo bisogno di meno ingerenza da parte della Chiesa, dove eventualmente scavando troveremmo i capitali frutto dei grandi scandali economici degli ultimi cinquant’anni. 41) Il Paese ha bisogno, i cittadini hanno bisogno di crescere intellettualmente ed eliminare quel senso di razzismo contadino che sbandiera colori, fazzoletti, santini, falci e martelli. Occorre l’uomo non i simboli. 42) Fra le ultime cappellate avvenute nel Paese, Il Sig. Mario Monti, Professore, divenuto Presidente, Senatore e forse anche Papa, con la vincita di una lotteria tirata a sorte, contrariamente al buon senso sociale, Costituzionale ed umano, è stato incaricato dal Quirinale ad imporre la legge speculativa della Savana Bancaria, ma sin dai primi mesi si era notato incapacità e l’arte funesta nel reprimere ulteriormente la Nazione, anziché correggere il marcio radicato nella Politica. 43) Di tutti gli uomini attualmente in concorso per distruggere ulteriormente lo Stivale, Destre, Sinistre, Sopra e Sotto, Estremisti e Centristi, Pelosi e Teste rase, due soli si distaccano dal gruppo per capacità e lungimiranza Politica e Imprenditoriale, il primo con fare Napoleonico Silvio Berlusconi, temuto deriso e rispettato, di cui l’opposizione in concussione con la Giustizia politicizzata, ha cercato di frenare con accuse risultate sempre infondate, che meritavano l’arresto dei promotori, mentre l’altro nominativo riconosciuto come il Grillo parlante con fare Mazziniano, deciso a sputtanare tutte le manchevolezze Politiche che apparentemente sfuggono alla Giustizia, additando le grandi speculazioni Istituzionalizzate, per l’affermazione della Democrazia Ateniese e la rinascita dello Stato Italiano. 44) Voi fate come vi pare, continuate a votare per coloro che vi porteranno via il piatto dove mangiate, il lavoro, la casa e i pantaloni, perché hanno imparato l’arte della bugia, l’arte di mangiare a sbaffo sui lavoratori, ma non dimenticate che ci vuole poco a distruggere e molti anni a ricostruire, e per costruire ci vogliono tanti soldi e capacità che mancano ai grandi canta storie attuali. 45) Il grave pericolo che si presenta dinnanzi ai nostri occhi, è la posizione di stallo che ha assunto la Politica, la quale non riesce a mettere insieme gli elettori sulla necessità di eliminare la moltitudine di Partiti spezzatino, i quali danneggiano il raggiungimento di un Partito di maggioranza assoluta per cambiare il pensiero ottocentesco nell’amministrare la Nazione. 46) Occorre rivedere la Costituzione, eliminare il Quirinale, eliminare il finanziamento ai partiti, mettere un tetto alle Pensioni, mettere un tetto alla fiscalizzazione, eliminare tutte le forme di Monopolio Statale, Regionale, Comunale. Livellare i costi della Politica in proporzione al PIL. Creare un Ente di contatto diretto fra il cittadino e l’autorità per aiutare gli attuali ed infelici sistemi di controllo Nazionali. Creare un sistema elettronico Referendario per dare più Potere ai cittadini. Fermare le Fondazioni e le Istituzioni di Carità le quali raccolgono miliardi nel Paese e li portano all’estero formando le grandi evasioni fiscali. Ridurre la Globalizzazione che favorisce i grandi movimenti marittimi ai danni della produzione interna. A chi servono i Garanti con tutta la Piramide di dipendenti in sostituzione dei vari Ministeri competenti. Creare continui concorsi formulati sull’innovazione Tecnologica e sull’Economia, e tanto ancora. 47) Il Paese è categoricamente morto, lo Stato vive da morto, migliaia di Industrie grandi, medie e Artigianali hanno chiuso definitivamente o trasferite in Svizzera, Austria, Francia, e Paesi dell’Est, generando disoccupazione, sofferenze e suicidi, mentre il Governo Centrale, e i Governi Regionali, Comunali, continuano ad imporre nuove restrizioni con tasse, imposte e diavolerie varie, in dolce armonia con l’impennata dei costi delle prime necessità. I giovani e soprattutto gli Universitari vanno all’estero a studiare. Servirebbe mettere un freno a tanta incoscienza Politica attraverso i misteriosi Black Bloc uniti ai Santoni illuminati dal cielo nel redimere il pensiero collettivo Nazionale per una ripresa cosciente e duratura. Anthony Ceresa.