Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “L’Italia cresce solo investendo in cultura, anche all’estero”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “L’Italia cresce solo investendo in cultura, anche all’estero”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Evitare chiusure di istituti italiani di cultura e ripensare organicamente l'insegnamento della lingua italiana nel mondo”

 

“I finanziamenti che l’Italia destina agli istituti italiani di cultura all ’estero ammontano a 12 milioni di euro. Una cifra modesta se confrontata ai fondi pubblici riservati ai rispettivi istituti di lingua e cultura di Francia (760 milioni di euro), Regno Unito (826 milioni), Germania (218 milioni) e Spagna (80 milioni). Inoltre gli IIC lavorano in attivo dal momento che grazie agli oltre 70.000 alunni che studiano l’italiano nel mondo si genera un introito netto per lo Stato che supera i 17 milioni di euro, ampiamente superiore alle spese sostenute. Senza contare l'indotto che essi producono attraverso le migliaia di presenze in italia per motivi turistici o professionali di coloro che hanno frequentato corsi di lingua e cultura". Lo ha detto Laura Garavini, intervenendo in Commissione Affari Esteri a seguito dell'audizione del sottosegretario Giro sullo stato dell'arte dell'insegnamento di lingua e cultura nel mondo.

 

"Ecco perchè chiediamo al Governo", ha concluso la deputata PD, "di non procedere con le preannunciate chiusure di istituti italiani di cultura nel mondo e di creare le condizioni affinchè, in costante dialogo con il Parlamento, si pervenga ad una radicale riforma organica dell'insegnamento della lingua e cultura italiana nel mondo".

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)