Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Importante il contributo della CRIM al Parlamento Europeo contro le mafie in Europa”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Importante il contributo della CRIM al Parlamento Europeo contro le mafie in Europa”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Presentato il rapporto CRIM a Berlino, alla Festa della legalità di Mafia? Nein, Danke!

 

“La relazione finale della Commissione Antimafia (CRIM) del Parlamento Europeo, appena approvata, rappresenta un passaggio significativo per la lotta alle mafie a livello internazionale.

Affronta tra l'altro fenomeni di criminalità organizzata meno noti, come il traffico di organi, quello di opere d’arte e di lavoratori-schiavi (oltre 800.000 in Europa). E, soprattutto, è un passo avanti importante sul tema delle confische di beni ai mafiosi e sul gioco d’azzardo, due argomenti per risolvere i quali è dirimente un approccio internazionale”. Lo ha dichiarato Laura Garavini, componente dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo PD alla Camera, riferendosi alla tavola rotonda dal titolo “Uniti contro la mafia”, tenutasi a Berlino alla presenza dell’eurodeputata della SPD, Barbara Weiler, e dell ’ex responsabile della polizia berlinese Bernd Finger. Il dibattito, inserito nel programma della Festa della Legalità 2013 organizzata dall’associazione “Mafia? Nein, Danke!”, è stato moderato dal giornalista e presidente dell’Associazione, Sandro Mattioli.

 

“Il lavoro della CRIM”, ha aggiunto la deputata PD, componente della Commissione bicamerale Antimafia del Parlamento italiano, “non è ancora molto conosciuto tra l’opinione pubblica europea. Con questa iniziativa intendiamo contribuire a far conoscere l’importante operato della commissione”.

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)