Privacy Policy politicamentecorretto.com - Perché Eugenio Scalfari non lascia in pace papa Francesco?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Perché Eugenio Scalfari non lascia in pace papa Francesco?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


Sull’ultimo numero de L’Epresso, Eugenio Scalfari scrive: “Pochi giorni fa ho ricevuto una lettera da Papa Francesco che rispondeva a una mia precedente... Nella mia lettera mi permettevo di comunicare al Papa un tema che avrei desiderato approfondire con lui quando avesse «voluto e potuto» incontrarci di nuovo e portare avanti il nostro dialogo. Il tema si riassume in una domanda: chi ha creato il male? Sua Santità nella prima parte della sua risposta scrive che anche lui desidererebbe proseguire il nostro dialogo «se la Provvidenza gli darà il tempo libero necessario». Quanto alla domanda da me posta risponde letteralmente così: «Il tema da lei proposto è molto importante. Dio crea soltanto il bene. Quanto alla sua domanda ne modifico soltanto il verbo: chi ha causato il male? L’uomo dovrebbe seguire il bene ma è libero e può scegliere. Se sceglie il male ne è lui la causa». Ora, poiché papa Francesco ha mille cose a cui pensare, e magari è anche stanchissimo, e la Provvidenza non gli dà pochissimo tempo libero, non potrebbe fare a meno Scalfari di fargli domande le cui risposte (o non risposte) può trovare abbondantemente nel Catechismo della Chiesa Cattolica, e in qualsiasi enciclopedia filosofica? Oppure si aspetta che papa Francesco possa dargli risposte (o non risposte) diverse da quelle date da secoli da filosofi e teologi? Oppure insisterà ancora e la prossima volta gli chiederà magari chi ha creato il dolore?
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (0 inviato)