Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Apprezzabile la disponibilità del Governo ad una ricerca sulla strage di Vergarolla”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Apprezzabile la disponibilità del Governo ad una ricerca sulla strage di Vergarolla”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

La deputata PD commenta la risposta della Vice Ministro Dassù sulla strage di Vergarolla “Dopo decenni di silenzio qualcosa finalmente si sta muovendo per fare luce sulla morte violenta di decine di italiani a Pola nell’estate del 1946. Apprezzo la disponibilità della Vice Ministro agli esteri ad istituire con urgenza, come da me proposto insieme all'onorevole Ettore Rosato, una commissione di esperti col compito di chiarire le cause di una delle più gravi stragi di connazionali del dopoguerra”. Lo dichiara Laura Garavini, deputata eletta nella Circoscrizione Estero Europa, commentando la risposta della Vice Ministro Marta Dassù ad una sua interrogazione su Vergarolla.  “È molto positivo che ci sia la disponibilità del Ministero a sostenere un progetto scientifico da finanziarsi sulla base della Convenzione triennale appena rinnovata fra il Ministero dei beni e le attività culturali, il Ministero degli Esteri, e la Federazione delle Associazioni degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati. Tale convenzione”, aggiunge la Garavini, “include un piano di finanziamento triennale che ammonta a 6,5 milioni di euro. Dunque i soldi ci sono e la volontà politica pure. Adesso bisogna passare ai fatti, facendo tutto il possibile per scoprire la verità su questa tragedia. Lo dobbiamo alle vittime e ai loro parenti”. 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)