Privacy Policy politicamentecorretto.com - Militari nelle citta'. Inutili, pericolosi ed economicamente improduttivi

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Militari nelle citta'. Inutili, pericolosi ed economicamente improduttivi

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Il motivo musicale per queste parole lo conoscono tutti: "Questa mattina, mi sono svegliato. Oh bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao ciao. Questa mattina mi sono svegliato ed ho trovato l'invasor...". Pur se l'invasore della nota canzone partigiana non esisteva (i tedeschi in quegli anni erano di casa in Italia e ben accolti dalle istituzioni), e' questo il motivo che mi e' venuto stamane in mente quando ho visto i primi militari per le strade: una sensazione di disagio che, leggendo poi le cronache e i numeri delle dislocazioni, leggendo i primi commenti dei cittadini, si e' trasformato in rabbia per la stupidita' istituzionale dell'operazione in se'.
A parte il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, che probabilmente e' da quando era ragazzino, nell'organizzazione giovanile del suo partito, che sognava di vedere in questo assetto i militari per le strade italiane... figuriamoci che ora e' lui medesimo a comandarli.... mi sono domandata –praticamente- a cosa servono oltre alla dimostrazione di forza verso se stessi di chi ha preso una simile decisione. Non mi e' venuto in mente proprio niente oltre, ovviamente le solite battute tipo "ora siamo una repubblica democratica fondata sui militari" altro che lavoro e liberta'...  E non riesco neanche a consolarmi pensando a quei poveri ragazzi in quelle divise, costretti... il servizio militare non e' –per fortuna- piu' un costrizione e quindi chi non ci sta, prende e se ne va, il lavoro –magari umile, comunque lavoro- nel nostro Paese non manca, per cui di fame non muoiono e possono pagarsi un mutuo anche facendo lavori come –per esempio- l'operaio edile che tutti lasciano ai disperati del Terzo Mondo che cercano vita nel nostro Paese (spero che questo lo prendano come consiglio...).
Eppure i risultati per quel che il Governo auspica dalla presenza dei militari, potevano essere ottenuti anche in altro modo: se per comunicare il senso dello Stato e scoraggiare i malintenzionati, ci fossero stati altrettanti vigili urbani, per esempio, non credo che la auspicata maggiore sicurezza ne avrebbe subito danno. Anzi: siccome i militari per le strade non sono amati da molti, e a nessuno gli viene in mente di contestare la presenza e la funzione della polizia municipale per le strade delle nostre citta', l'effetto auspicato sarebbe stato piu' garantito. Tremila vigili urbani in piu' assunti dalle varie amministrazioni non mi sembra un esborso molto diverso da quanto sara' constata questa operazione del ministro La Russa e, sicuramente, un investimento molto piu' duraturo nel tempo. Ma probabilmente un'operazione meno "maschia" e che avrebbe fatto godere di meno i pruriti culturali di chi ha accolto con entusiasmo queste presenze in tute mimetiche.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Daniele, 14 Agosto, 2008 15:27:53
    Per fare il soldato non si è più costretti, primo, secondo non siamo invasori tedeschi ma siamo più italiani di lei che portando la divisa serviamo il popolo italiano e la sua bandiera... cosa che lei non sdegnerebbe di cambiare con una bella bandiera rossa con falce e martello..... si vergogni a sputare su delle persone che volenti o nolenti garantiscono anche la sua sicurezza.... Daniele da Roma