Privacy Policy politicamentecorretto.com - LA MARCA (PD): L’ACCORDO ITALIA-USA RENDE PIU’ INCISIVA LA LOTTA ALLA CRIMINALITA’ E AL TERRORISMO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LA MARCA (PD): L’ACCORDO ITALIA-USA RENDE PIU’ INCISIVA LA LOTTA ALLA CRIMINALITA’ E AL TERRORISMO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

La parlamentare eletta nella Ripartizione Nord e Centro America è intervenuta in Commissione sulla ratifica dell’Accordo per il rafforzamento della prevenzione e della lotta alla criminalità e al terrorismo

 

L’on. Francesca La Marca è intervenuta nella Commissione Esteri della Camera sulla ratifica dell’accordo tra il Governo italiano e quello degli Stati Uniti sul rafforzamento della prevenzione e della lotta alla criminalità organizzata e al terrorismo. Il provvedimento ratifica l’accordo tra i due Governi stipulato a Roma nel 2009 e consente lo scambio di dati personali che possano facilitare le azioni di contrasto ai fenomeni più gravi di criminalità.

“Si tratta di un provvedimento che toccando due aspetti di grande sensibilità, quali la sicurezza delle persone e la tutela della privacy, riveste una grande importanza non solo nel rapporto tra Stati ma anche per gli interessi dei cittadini”, ha dichiarato l’on. La Marca.

“Nel passaggio al Senato si è cercato di venire incontro ad alcuni aspetti delicati, soprattutto per quanto riguarda la tutela e il rispetto della privacy nella gestione dei dati personali. Le tutele introdotte, volte a fissare un termine per l’emanazione dei decreti di attuazione del codice di protezione dei dati personali e a stabilire tempi e procedure per il trattamento dei dati, sembrano una cautela sufficiente per dissipare le ombre che si erano addensate.

Voglio esprimere a questo proposito anche la mia soddisfazione di eletta nella ripartizione del Nord e Centro America – ha aggiunto l’on. La Marca - per un atto che consente di contrastare un radicato stereotipo che ha portato nel passato ad accostare gli italiani alla criminalità. Il fatto che l’Italia si dimostri aperta e pronta ad una piena collaborazione in questo campo contribuisce a diluire pregiudizi e distorsioni.

Oggi la criminalità organizzata si è molto trasformata rispetto al passato e si è globalizzata, radicandosi in realtà che ne sembravano immuni. Ad essa si è affiancato una minaccia non meno grave, come quella del terrorismo, che in passato ha scelto proprio gli Stati Uniti come il suo teatro più sanguinoso. E’ indispensabile, dunque, la collaborazione a livello internazionale. Mi sembra che l’Accordo che la Camera si appresta a ratificare rafforzi utilmente gli strumenti operativi tramite la cooperazione tra i due Paesi, ricorrendo alle più efficaci e sofisticate tecnologie, ma anche disegnando il perimetro di legalità entro il quale le azioni di prevenzione e contrasto devono essere realizzate.

Credo, dunque, che sia fondata la speranza – ha concluso l’on La Marca - di poter consegnare con questo atto alle forze di polizia dei due Stati uno strumento incisivo di tutela della sicurezza e della legalità, a beneficio dei cittadini americani e di quelli italiani”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)