Privacy Policy politicamentecorretto.com - Spazio Giovane,l'Istituto Santa Francesca di Mar del Plata

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Spazio Giovane,l'Istituto Santa Francesca di Mar del Plata

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 Natali Di Lucente e Marcelo Carrara, della squadra del programma televisivo "Spazio Giovane", hanno visitato l'Istituto Santa Francesca di Mar del Plata, una casa di riposo diurno aperta a giovani malati mentali. La sede appartiene alla Congregazione delle Sorelle Missionarie del Sacro Cuore di Gesù.

La casa di riposo è intitolata a Santa Francesca Cabrini, patrona universale degli immigrati, proclamata santa nel 1950 dal Papa Pio XII, nata nel 1850 e morta nel 1917 dopo una proficua missione sia negli Stati Uniti come in Argentina.

Presidente del consiglio direttivo della Casa è il calabrese Antonio Cerchiara, che, intervistato da "Spazio Giovane", spiega: "abbiamo iniziato nell'agosto 2006. Nostro figlio Adrian, che oggi ha 30 anni, ha un disabilità mentale e in quel tempo non trovammo un posto che ci soddisfacesse sia per l’assistenza che per l’attenzione ai progressi dei malati".

Da quattro anni, ogni 22 dicembre, giorno di Santa Francesca Cabrini, alla casa organizzano un festival artistico musicale per celebrare la patrona degli immigrati e per festeggiare l'ultima settimana dell'anno: tra i partecipanti gruppi di tutte le nazioni del mondo, tra cui anche quello della Casa d'Italia.

“Il nostro sogno è di avere una sede nostra: qui è bellissimo, ma siamo in affitto. Abbiamo un giardino, una palestra ed anche un orto per i nostri ragazzi, ma la nostra idea è di arrivare ad avere una casa di riposo permanente" ha spiegato Liliana Mario, una delle principali promotrici dell’istituzione.

I ragazzi ospiti della struttura hanno dai 20 anni ai 40 anni.

L’istituto si finanzia con l'aiuto delle associazioni mutuali che pagano il servizio del Centro diurno, diretto da Ana Paula Feduci. 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)