Privacy Policy politicamentecorretto.com - DEPUTATI PD ESTERO: “EVITARE INGIUSTIFICATE GENERALIZZAZIONI NELL’APPLICAZIONE DELLA RITENUTE SUI BONIFICI PROVENIENTI DALL’ESTERO”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

DEPUTATI PD ESTERO: “EVITARE INGIUSTIFICATE GENERALIZZAZIONI NELL’APPLICAZIONE DELLA RITENUTE SUI BONIFICI PROVENIENTI DALL’ESTERO”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

“Un’ulteriore complicazione della vita fiscale dei cittadini e una riprova agli occhi degli stranieri che l’Italia è un Paese pesante dal punto di vista dei rapporti economici, con tutto quello che ne deriva in termini di scoraggiamento di eventuali intenzioni di iniziative e investimenti. In questo modo sono state interpretate da alcuni organi di stampa specializzati – e rischiano di apparire ad una più vasta opinione pubblica - le modalità di attuazione delle disposizioni sul monitoraggio fiscale prescritte dal Ministero del Tesoro alle banche, chiamate ad applicare una ritenuta del 20% sui bonifici internazionali in ingresso nel Paese.

Naturalmente, è giusto che il trattamento fiscale dei cittadini italiani sia uniforme per quanto riguarda i guadagni derivanti da operazioni finanziarie, sia che queste operazioni avvengano in Italia che all’estero. Tra l’altro, la legge, adottata per rendere coerente la nostra normativa con gli indirizzi in materia adottati dagli organismi comunitari, prescrive che una serie di introiti debbano essere menzionati nella dichiarazione dei redditi  e che se le operazioni passano per gli intermediari, questi siano tenuti a fare la ritenuta prescritta e a darne notizia al fisco.

Ciò che a nostro avviso rappresenta un’eccessiva estensione dei poteri di controllo e di imposizione fiscale è nel fatto che le banche siano sollecitate a fare la ritenuta del 20% su tutti i bonifici provenienti dall’estero, a prescindere da una preventiva distinzione tra quelle dovute e quelle non dovute. E poiché le detrazioni non dovute sono quelle riguardanti i normali rapporti tra le persone fisiche, le prestazioni professionali e le attività delle piccole imprese che operano anche all’estero, la misura rischia di essere vissuta cone un ennesimo cappio al collo da parte del fisco.

E’ vero che con una semplice autocertificazione preventiva alle banche è possibile scongiurare il rischio di prelievi indebiti o che, nel caso in cui questo si concretizzi, è possibile richiedere quanto erroneamente trattenuto. Ma conoscendo i tempi dei rimborsi praticati in Italia non c’è da stare troppo tranquilli.

Ripetiamo, tutto ciò che sul piano del contrasto all’evasione fiscale si può fare, deve essere fatto. Ma non considerando tutti i cittadini potenziali evasori fiscali e, soprattutto, dando preventivamente informazioni adeguate e adottando misure semplici e non indifferenziate. Ora, l’informazione su una misura entrata in funzione dal primo febbraio è stata onestamente inadeguata, anzi inesistente. E le forme con cui si è deciso di applicare questa disposizione sono così generalizzate da mettere in difficoltà proprio le persone più semplici che hanno minori conoscenze e minori tutele. In un Paese che si è storicamente sviluppato per le rimesse dei suoi emigranti forse ci vorrebbe più attenzione e rispetto, soprattutto in un momento nel quale l’emigrazione verso l’estero è ripresa ed è pensabile che alcune forme di sostegno familiare siano destinate a incrementarsi.

Per questo chiediamo che il Ministero del Tesoro ritorni su questa situazione per limitare le trattenute ai casi necessari e per invitare le banche a non dare un’interpretazione restrittiva alle indicazioni regolamentari adottando un automatismo che alla fine scarica in modo generalizzato sui cittadini adempimenti burocratici di cui francamente non si sente il bisogno”.

Farina, Fedi, Garavini, La Marca, Porta

 

ESITO VOTAZIONE CAMERA

Presenti                 453   
Votanti                 449   
Astenuti                   4   
Maggioranza          225   
Hanno votato sì  438    
Hanno votato no   11    

La Camera approva.

 

Indirizzo
Paese

AUTOCERTIFICAZIONE SUI FLUSSI FINAZIARI DI PROVENIENZA ESTERA

Il (La) sottoscritto (a), ……………………, nato (a) ………….. il ……………. e residente a .................................. in via ……………..……, n. …, codice fiscale............................., titolare presso il Vostro Istituto del conto corrente bancario n. ………………………., con riferimento alla normativa fiscale sul monitoraggio (DL 167/90, ed in relazione alle modifiche apportate dal Decreto Legge 97/213), con la presente autocertifica, così come previsto dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 38/E del 23.12.2013, che tutti i flussi finanziari provenienti da conti correnti esteri depositati presso gli Istituti di Credito ……. (indicare lo Stato) ed accreditati sul citato conto corrente bancario, sono frutto esclusivo di attività di lavoro dipendente prestato all’estero. Si chiede pertanto che su detti redditi non venga applicata la prevista ritenuta di acconto del 20%.

La presente autocertificazione riguarda la generalità dei miei flussi accreditati sul conto corrente presso il Vostro Istituto.

Eventuali modifiche rispetto a quanto sopra dichiarato sarà tempestivamente a Voi comunicato.

In fede,

Nome e Cognome

    Luogo e data Firma

 

 
On. Marco FEDI
Camera dei Deputati
7 Piano, Palazzo Marini II
Via Poli 13
00187 ROMA
Tel. +39 06 67605701 uff.
Fax. +39 06 67605004
+39 334 6755167 cell. Italia
+61 412 003 978 cell. Australia
fedi_m@camera.it
mfedi@bigpond.net.au


[Leggi il documento]

Invia commento comment Commenti (0 inviato)