Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ferragosto al carcere fiorentino di Sollicciano: in una scuola di criminalita' il sovraffollamento e' sempre l'emergenza

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ferragosto al carcere fiorentino di Sollicciano: in una scuola di criminalita' il sovraffollamento e' sempre l'emergenza

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

L'indulto? Una boccata d'aria e ora tutto come prima, anzi peggio visto il preannuncio di nuove figure di reato e le minacce alla legge Gozzini. E' questo lo scenario che mi sono trovata nella visita di ferragosto al carcere fiorentino. Con me c'erano Claudia Sterzi, segretaria dell'associazione radicale Antiproibizionista, e Antonio Bacchi, segretario dell'associazione radicale fiorentina Andrea Tamburi.
Se si pensasse alla carcerazione come ultima opzione per chi si e' reso colpevole di reato, forse non ci sarebbero situazioni come quella di Sollicciano. Se prima si provassero le altre strade -arresti domiciliari e pene alternative- forse le nostre carceri svolgerebbero la funzione assegnata dalla Costituzione alla pena: rieducazione e riabilitazione. Oggi invece gli istituti penitenziari sono la pattumiera della societa': ci finiscono e ci restano gli ultimi, e quando si esce e' per poco, perche' la scuola che meglio funziona dentro, e' quella della criminalita'.
Quando il legislatore prevede impossibili reati, come quello di clandestinita', o vuole intervenire sulla legge Gozzini, sarebbe meglio che si facesse prima un giro in carcere e poi ci pensasse meglio. Oggi la relativa tranquillita', la mancanza di risse e di violenze in queste condizioni assurde, e' frutto unicamente della volonta' dei detenuti di accedere alla Gozzini e quindi comportarsi "bene" in carcere.
Vediamo in particolare cosa ho rilevato nel carcere fiorentino.
Sollicciano e' tra le strutture carcerarie piu' difficili a livello italiano e non solo. Un edificio progettato per 470 detenuti, il giorno di Ferragosto ne registrava 834, di cui 87 donne. Numeri che sono il segno della difficolta', confermata dal fatto che la maggior parte sono detenuti in attesa di giudizio e in carcerazione preventiva: 408 sono nel reparto giudiziario e 277 in quello penale, oltre a 35 nel centro clinico e 17 nel transito. Il 60% dei detenuti e' straniero e le celle progettate per due sono abitate da tre. Prima dell'indulto era stata aggiunta anche la quarta branda.
Se i detenuti abbondano, educatori e personale penitenziario sono troppo pochi, con il problema distaccamenti sempre piu' pesante.
Il lavoro per i detenuti, che e' un diritto, e' invece un miraggio. Le attivita' ricreative sono difficili, nonostante il personale faccia salti mortali per garantirle a tutti, anche con la turnazione.
La tossicodipendenza e' un fenomeno importante: 152 detenuti risultano tali, con solo 50 in trattamento metadonico; i detenuti italiani con questo "privilegio" sono molti di piu' degli stranieri.
Nelle sezioni maschili le celle restano chiuse tutto il giorno tranne quattro ore d'aria (2 la mattina e 2 il pomeriggio). In quelle femminili invece le celle sono aperte, e un reparto ad hoc ospita 10 transessuali. Nel nido del reparto femminile, da due mesi ci sono due bimbi di 6 e 14 mesi, figli di altrettante detenute. Una struttura adeguata e con numerosi giochi, ma, nonostante i colori e gli sforzi, resta sempre un carcere... non proprio un luogo in cui crescere dei bambini.


Invia commento comment Commenti (0 inviato)