Privacy Policy politicamentecorretto.com - Continua senza soste la crisi del commercio al Vomero. Capodanno: “ Oramai è una vera e propria ecatombe “

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Continua senza soste la crisi del commercio al Vomero. Capodanno: “ Oramai è una vera e propria ecatombe “

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

            “ Mentre le vie del Vomero sembrano sempre più adatte ad un percorso da Camel Trophy, visti i dissesti e le buche presenti sul manto stradale che aumentano di giorno in giorno  – esordisce Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari – gli antichi negozi del quartiere collinare, presenti da diversi lustri e che hanno costituito sin dal secolo scorso il tessuto portante dell’economia del Vomero, quartiere commerciale per antonomasia, offrendo anche per diverse generazioni possibilità occupazionali ai tanti giovani alla ricerca di un impiego, continuano a chiudere “.

 

“ Tra le zone più colpite da questo fenomeno –  continua Capodanno –  vi sono la galleria Vanvitelli e il tratto di via Scarlatti che va dall’incrocio con via Kerbaker fino all’incrocio con via Morghen. Proprio in quest’ultimo tratto di strada ha chiuso di recente anche una vineria molto accorsata,  che vendeva pure bevande. Pare che, così come avvenuto in altri casi, abbia chiuso dalla sera alla mattina ed adesso si cerca un nuovo inquilino per il locale lasciato sfitto. Impresa non certamente facile in una realtà dove aprire un nuovo esercizio commerciale, che non  sia un “temporary store” sembra un’impresa per nulla facile  ”.

 

“ E così, nell’indifferenza delle istituzioni preposte – prosegue Capodanno -, aziende che in decenni di attività hanno reso famosi gli esercizi commerciali di tradizione del Vomero, continuano a morire. Una trasformazione, quella del settore commerciale vomerese, che ha subito una preoccupante ed emblematica impennata negli ultimi tempi con decine di negozi chiusi. Al posto delle botteghe artigianali e di esercizi commerciali di antiche famiglie vomeresi, che si erano sempre dedicate al commercio da generazioni, sono arrivate attività di ogni tipo, con prevalenza di bar e ristoranti ma anche di sale per scommesse. Molti però a tutt’oggi gli esercizi ancora vuoti, come quelli occupati fino a due anni fa in via Merliani dalla libreria Guida “.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)