Privacy Policy politicamentecorretto.com - A proposito di malinformazione italiana sull'Ossezia ecc....c'e' anche una diplomazia nascosta

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

A proposito di malinformazione italiana sull'Ossezia ecc....c'e' anche una diplomazia nascosta

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

-da gionale greco PARON del 17/08/2008
 
Ruolo chiave di un diplomatico greco nella guerra in Georgia.

 


 
Un diplomatico greco
Alex Rontos (Rondos)ex consulente diplomatico e ambasciatore di Giorgio Papandreou quando era Ministro degli esteri del Governo Simitis,e molto attivo in Serbia al tempo della caduta di Milosevic.
 
Per un periodo presente anche in Africa e nei paesi emergenti Euroasiatici e per finire consulente del Presidente Georgiano Sakasvilli ,e in suo articolo del maggio scorso addirittura prevedeva l'attacco Georgiano.
Coincidenza o fatalita'.Sia Alex Rontos che Giorgio Papandreou insieme al presidente georgiano Sakasvilli si sono laureati negli USA.
 
Rontos fu mandato con credenziali diplomatiche
 di Giorgio Papandreou a Kustunitsa al tempo della pulizia etnica.
Inoltre risulta ancora dal suo curriculum che e' tra i fondatori di una ONLUS a Londra,che svolge attivita' umanitarie in diverse parti del mondo.
E' considerato tra i pionieri nel sistema americano di offrire assistenza a popolazioni e profughi di guerra.
 
Dal nostro punto di vista la presenza di Alex Rontos in Georgia durante questo conflitto e' tuttaltro che casuale...per provare la resistenza e la reazione di Putin all'attacco Georgiano.
 
Non per caso l'ex consulente di Giorgio Papandreou in un suo articolo dello scorso 8 maggio su «International Herald Tribune» aveva previsto tutto!
 
 
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie