Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Gli italiani all’estero aiutano a costruire più Europa”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Gli italiani all’estero aiutano a costruire più Europa”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

La deputata ospite del Circolo PD di Hannover per parlare di integrazione

 

“Per i connazionali che vivono nei diversi paesi europei, vincere la sfida dell’integrazione significa anche fornire un contributo importante alla costruzione di una nuova Europa, più aperta al multiculturalismo e ai diritti delle minoranze.  E' importante partecipare attivamente alla vita sociale, culturale ed economica dei paesi in cui si vive, anche entrando da protagonisti negli organi di rappresentanza locale, nei partiti, nei sindacati e nelle associazioni di categoria".

Lo afferma Laura Garavini, deputata PD eletta nella circoscrizione estero-Europa, intervenendo al dibattito "Integrazione e comunità italiane in Europa oggi" organizzato dal Circolo PD di Hannover.

All’incontro, promosso dal Segretario Santo Vitellaro e da Antonio Riccò, e moderato da Flavio Venturelli, sono intervenuti anche il responsabile del Dipartimento Migrazione del IG BCE, Giovanni Pollice, e la componente della Commissione internazionale della città di Hannover, Marcella Heine.

 

"Proprio in un periodo di crisi come questo l'impegno di cittadini di origini straniere è ancora più prezioso che mai", ha proseguito la Garavini. "Servono più consiglieri comunali, mediatori culturali, imprenditori, sindacalisti, politici, giornalisti di origini italiane nelle città europee dove le nostre comunità sono presenti. Solo così potremo contribuire ad un maggior livello di integrazione e di successo delle nostre comunità."

Invia commento comment Commenti (0 inviato)