Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero: scale di via Morghen sempre più immobili

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero: scale di via Morghen sempre più immobili

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

         “ Dopo qualche giorno che avevano ripreso a funzionare, si sono di nuovo fermate, tornando im…mobili – ironizza con amarezza Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni sta conducendo delle vere e proprie battaglie per comprendere i motivi per i quali le tre scale mobili del sistema intermodale di collegamento tra le funicolari e il metrò collinare al Vomero funzionano a singhiozzo -. A fermarsi è con maggiore frequenza è sempre la scala che si diparte da via Morghen, nei pressi di un supermercato, creando non pochi disagi, costringendo le tante persone che devono raggiungere la zona di San Martino, principalmente anziani e massaie con pesanti borse, a salire le non agevoli scale di piperno “.

 

         “ Nei giorni scorsi il fermo delle scale era stato motivato con problemi legati al personale – ricorda Capodanno -. Nella circostanza attuale non è dato sapere da cosa sia determinato questo nuovo stop dal momento che sull’avviso posto all’ingresso si legge molto genericamente: “ l'impianto e temporaneamente chiuso all'esercizio per motivi tecnico/organizzativi  “. Dunque non si capisce bene quali siano in questo caso le motivazioni della chiusura, vale a dire se si tratti di un guasto tecnico o di un problema, e quale, di carattere amministrativo “.

 

“ L’unica cosa certa invece – prosegue Capodanno - è che nell’avviso non viene precisato per quanto tempo durerà questo disservizio. Aspetto che interessa molto di più alle migliaia idi utenti che son stati appiedati dal fermo dell’impianto “.

 

Capodanno chiede ancora una volta che venga fatto piena luce sui motivi di questi continui guasti ad un impianto che ha poco più di dieci anni di vita, dal momento che è stato inaugurato nell’ottobre del 2002 e che è paradossalmente si è sin qui contraddistinto per i periodi, anche lunghi, durante i quali è rimasto chiuso al pubblico.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)