Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Paola. oltre le parole " di Matilde Calamai, la storia di una donna oltre le parole ambientata a Pistoia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Paola. oltre le parole " di Matilde Calamai, la storia di una donna oltre le parole ambientata a Pistoia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


 

 

 

 

 

Il libro uscito in America la scorsa primavera è pronto per il pubblico italiano, così la scrittrice Matilde Calamai sabato 5 aprile dalle ore 17 al Family Banker Office di Banca Mediolanum a Montecatini terme presenterà la sua ultima fatica letteraria.
Nel mese di aprile quindi un doppio appuntamento per “l'Aperitivo d'Autore” , evento organizzato periodicamente dal Family Banker Office di Montecatini terme, Inaugurazione della mostra personale di Anna Pasquinelli e presentazione del romanzo della Calamai : Paola. Oltre le Parole edito da Ladolfi Editore.


Il racconto ha come protagonista una donna italiana di 50 anni d’età, Paola, sposata con due figli, che conduce una vita normale fino a quando, il 4 aprile, non viene colpita da un ictus. Ricoverata all’ospedale si ritrova a combattere una guerra silenziosa ma feroce contro l’afasia, malattia che altera il linguaggio. Catapultata all’improvviso in una dimensione senza tempo, è costretta a vivere in una realtà priva di parole e di oggetti indecifrabili. Persino l’orologio, che fino a quel momento scandiva giorni colmi d’insoddisfazione, per lei non ha più significato. Intrappolata nel tempo e nel suo corpo senza parole, gradualmente le si materializza davanti la prigione che si era creata vivendo una vita povera di gratificazioni. Da quel momento il suo unico obiettivo diviene quello di poter tornare a una vita normale, iniziando un viaggio alla ricerca delle parole perdute. Si rivolge a  Julio, un santone, e prova con il rito del pollo, accetta di farsi curare da un analista, il dott. Kraun, chiede, come può, alla nipote di andare da un maestro spirituale, non rimasta contenta decide di andare anche da un medico ayurvedico, Eduardo Nunez di cui poi se ne innamora. Un intreccio di delusioni e vittorie, un racconto d’amore e passione. La storia di una donna forte, volitiva e caparbia, con i piedi per terra, che si ritrova ad affrontare la persona che ha spesso cercato di evitare, se stessa.
«Spero di aver saputo trasmettere la positività di Paola, nonostante il pesante e angoscioso tema, che mi auguro di aver alleggerito con parole motivazionali –dichiara l’autrice- spero di essere stata in grado di raccontare il coraggio e  la straordinaria voglia di vivere della protagonista».
" il racconto di Matilde Calamai è un esempio formidabile dello scompiglio del puzzle della vita di una persona- commenta il Dott.Gino Volpi Direttore U.O. Neurologia ospedale di Pistoia-Paola però è fortunata perché alla fine ritrova con questo dramma l’autenticità dei sentimenti, cosa che non accade frequentemente, di solito i nostri pazienti tentano di nascondere questa malattia come fosse una vergogna.E' un comportamento tipico dell'individuo che ha avuto un ictus, in quanto si sente indebolito negli aspetti più intimi della propria esistenza ai quali l’homo sapiens tiene di più ed è deleterio perché fa sì che il puzzle della propria vita venga definitivamente compromesso. Questo libro perciò- conclude il Dott.Volpi-è un contributo importante poiché contribuisce alla divulgazione della conoscenza di questa malattia che, prima di tutto, deve essere prevenuta. "
Una parte dei proventi andrà all'Associazione Alice Onlus, Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale.


BOOKTRAILER: : http://www.youtube.com/watch?v=mzaJ-zekwJs



Matilde Calamai giornalista e artista.


Nel 2009 inizia la sua carriera da scrittrice entrando in finale al “Premio letterario internazionale Ida Baruzzi Bertozzi" della quattordicesima edizione Marengo D'Oro con il romanzo La bellezza parte da dentro.
Nel 2010 pubblica Storie sexy di ragazze per bene, una raccolta di racconti apprezzata anche da Federico Moccia che ha scritto la prefazione dell'opera.
Nel 2012 pubblica la raccolta di poesie Pensieri InVersi, lavoro che ha riscosso positivi consensi ai concorsi letterari:
Menzione d'onore al XX “Premio Letterario Internazionale A.L.I.A.S. di Melbourne - Australia. “
Prefinalista al trentaseiesimo “Premio Nazionale Città di Fucecchio".
Finalista al “Premio Internazionale Io Racconto 4”.
Finalista alla XXX Edizione del “Premio Firenze.”
Primo Premio poesia edita del Premio "Lilly Brogi-La Pergola Arte 2012"
Nello stesso anno entra a far parte della rosa di artisti promossi dalla Regione Toscana e dell'Associazione Sguardo e Sogno di Paola Lucarini.
Nel 2013 pubblica in America il  romanzo Paola Beyond Words edito da IUniverse.
Riceve il terzo premio narrativa al XXI “Premio Letterario Internazionale A.L.I.A.S. di Melbourne – Australia”, per il racconto Quanza la matriarca e una segnalazione di merito per la poesia E' Africa.


Hanno parlato di lei:


Paola Lucarini, scrittrice e critica letteraria, Giampaolo Merciai, scrittore ed Enrico Nistri critico letterario, Paolo Bambagioni Consigliere Regionale.


Matilde Calamai è attiva anche come pittrice, ottenendo ampi consensi di critica e di pubblico.
Nel 2012 espone per la prima volta i suoi lavori materici in una mostra personale alla Galleria "La Pergola Arte" di Firenze, subito seguita dalla partecipazione a un’importante collettiva al GAMEC, Centro d'Arte Moderna di Pisa.
A Settembre 2013 espone  alcune opere nel nuovo spazio espositivo polivalente del progetto "Arte per strada" di Prato.
A dicembre  2013 ha esposto le sue opere a New York all' Agorà Gallery, galleria che attualmente la rappresenta.
Inoltre alcuni suoi dipinti sono stati usati come scenografia permanente sul set della serie televisiva internazionale "Il Commissario Rex"  ( 2014)

Invia commento comment Commenti (0 inviato)