Privacy Policy politicamentecorretto.com - Verrà presentata il prossimo 3 aprile dalle 12.00 al Consolato generale d’Italia a Buenos Aires la terza edizione del Premio Lucio Fontana dedicato alle "nuove creatività"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Verrà presentata il prossimo 3 aprile dalle 12.00 al Consolato generale d’Italia a Buenos Aires la terza edizione del Premio Lucio Fontana dedicato alle "nuove creatività"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Organizzato dal Consolato in collaborazione con la Pirelli Neumaticos S.A.I.C., main sponsor del progetto, il “Premio Lucio Fontana” consiste in un programma di borse di studio riservato ad artisti emergenti residenti in Argentina e di origini italiane.

Ai due vincitori del Premio sarà, infatti, offerta la possibilità di trascorrere un periodo di due mesi a Torino, per sviluppare le proprie capacità creative a contatto con l’ambiente culturale ed artistico italiano e in particolare con le realtà dell’arte contemporanea della città che vanta molti spazi pubblici e molte tra le più importanti gallerie dedicate alle nuove generazioni creative. Coinvolta nel progetto,  anche quest’anno, è la Fondazione Igav (Istituto Garuzzo per l’Arte Contemporanea).

Con questa iniziativa, sottolinea il Consolato Generale, vogliamo "contribuire a rinnovare e ricreare, anche se idealmente, il percorso del grande legame artistico - culturale tra Italia e Argentina, che nella figura di Lucio Fontana incontra una delle figure più emblematiche: nato a Rosario (Santa Fe) nel 1899 dopo i primi studi in Italia ritorna in Argentina dove inizia la sua attività artistica principalmente di scultore, per poi tornare definitivamente in Italia nel 1947 dove da concretezza a quanto scritto a Buenos Aires nel “Manifiesto blanco” e fonda il “movimento spazialista” che lo porterà con i suoi famosi tagli “tacos” ad essere considerato tra i grandi innovatori dell’arte contemporanea".

La selezione degli artisti sarà effettuata da una giuria composta da personalità di riconosciuta esperienza della realtà artistica argentina contemporanea i cui nomi saranno annunciati nel corso della presentazione del Premio. 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)