Privacy Policy politicamentecorretto.com - Troppe donne col nemico in casa. Affrontato al Rotary Club Taranto Magna Grecia il tema “Femminicidio”. Ottimi relatori Ida Perrone e Salvatore Maggio

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Troppe donne col nemico in casa. Affrontato al Rotary Club Taranto Magna Grecia il tema “Femminicidio”. Ottimi relatori Ida Perrone e Salvatore Maggio

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Nuova e interessante iniziativa organizzata dal Rotary Club Taranto Magna Grecia. Questa volta sul tema “femminicidio”, fenomeno sociale che si teme ancora in crescita. Eccezionalmente l’incontro si è tenuto nel saloncino della nuova libreria Ubik di via Di Palma. Ad affrontare l’argomento sono stati il sostituto procuratore della Repubblica, dott.ssa Ida Perrone, e il noto penalista avv. Salvatore Maggio, peraltro socio dello stesso Club. Sempre più spesso la violenza sulle donne - verbale, fisica, sino all’assassinio – avviene per mano dei propri “cari”. Il nemico, insomma, è in casa: a volte sotto forma di coniuge o compagno, separati o meno, ma anche per mano del padre, del fratello, del figlio. Il femminicidio è ormai un fenomeno sociale che si teme ancora in crescita.  I relatori hanno preso la parola dopo l’introduzione del presidente del Rotary, il giornalista Antonio Biella, che ha posto in evidenza alcune discrepanze nella legislazione e ha offerto alcuni spunti di riflessione. La dott.ssa Perrone  ha parlato di fenomeno trasversale per età, strato sociale, cultura, ecc. ma che ha come comune denominatore una certa fragilità dell’uomo  ancora legato a schemi antichi nei confronti della donna e incapace di accettare la sua moderna capacità di autodeterminazione. “Forse la stessa crisi economica e valoriale  (ha sottolineato la relatrice ) ha provocato una regressione, quasi un rifugio,   verso il vecchio e il noto. Ma non sono pessimista  (ha ancora detto la dott.ssa Perrone)  perché abbiamo all’attivo, per il passato , la riforma del diritto di famiglia, l’abolizione del delitto d’onore, la ridefinizione dei delitti di violenza sessuale  non più considerati contro la morale bensì contro la persona; e, più di recente,  la legge antistalker del 2009, la convenzione di Istambul sulla tutela della donna, e la legge del 2013 sul femminicidio”.. Dopo l’appassionata relazione del magistrato donna, ha parlato il penalista uomo il quale, senza nulla togliere alla gravità del fenomeno generale di violenze  e sopraffazioni contro le donne, ha messo ugualmente in guardia l’uditorio sulle violenze in senso opposto. “Soprattutto il reato di stalking (ha fra l’altro detto l’avv. Maggio), non vede solo la donna come vittima, ma anche l’opposto.  Se si pensa che la persecuzione può attuarsi anche con insistenti telefonate e messaggi, forse le donne sono più…predisposte degli uomini a usare tali mezzi. E una ulteriore attenzione (ha anncora detto), dev’essere usata nel controllare la veridicità delle denunce per evitare che qualche donna possa invocare falsamente lo stalking per liberarsi del marito facendolo arrestare”. Ma, in generale, il legale ha riconosciuto anche la responsabilità degli avvocati di una coppia di separati che “…devono farsi carico persino di educare i loro clienti a un rapporto civile e mai violento”. L’avv. Salvatore Maggio ha poi enunciato alcuni recenti provvedimenti di legge che salvaguardano le vittime, come l’allungamento del tempo per le denunce, da tre a sei mesi. Al termine delle relazioni, numerosi sono stati gli interventi da parte di soci, consorti e ospiti del Club, a testimonianza di come l’argomento fosse sentito e di quanto stimolante fossero state le relazioni. Nella foto (da sinistra): Ida Perrone, Antonio Biella, Salvatore Maggio, Enzo Tarantini

Invia commento comment Commenti (0 inviato)