Privacy Policy politicamentecorretto.com - Unione gay. Non chiamiamola matrimonio

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Unione gay. Non chiamiamola matrimonio

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
 
Ma sì, hanno ragione tutti coloro  che dicono: “Riconosciamo tutti i giusti diritti alle unioni gay, ma non chiamiamole matrimonio”. Giusto, altrimenti si rischia di fare peccato mortale, si rischia di confondere quella unione meravigliosa fatta da Dio che congiunge maschio e femmina in una solo carne (Gn 2,24), quell’unione che l’uomo non può dividere (Mt 19, 6), quella unione fatta di due persone che vivono in armonia per tutta la vita, che non si separano mai, che ha visto per secoli e ancora oggi in tante parti del mondo, il maschio dominare tranquillamente sulla femmina,  di confondere, insomma, quella unione splendida che non fallisce mai, con quella pessima di due persone dello stesso sesso; si rischia di confondere il grano con il loglio. Chiamando matrimonio l’unione gay, si rischia di fare una profanazione, una orribile contaminazione. Sì, hanno proprio ragione. Non chiamiamola matrimonio, l’unione gay. E se la chiamassimo sposalizio?
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Albo, 18 Aprile, 2014 07:32:53
    Ma qui si parla di matrimonio civile e non religioso. Cosa c'entrano Dio e la bibbia? Anche i gay possono vivere in armonia per tutta la vita e possono non separarsi mai. Queste discriminazioni ottocentesche e omofobe lasciamole al passato. I gay hanno diritto a un pieno riconoscimento diel loro diritto al matrimonio civile, poi le religioni decideranno se accompagnarlo da una benedizione religiosa. Nell'antico testamento si parla di legittimazione della schiavitù e della possibilità di vendere i propri figli e allora dovremmo farlo anche oggi?