Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Una proposta di legge per un museo sui crimini del fascismo a Roma”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Una proposta di legge per un museo sui crimini del fascismo a Roma”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

“Credo che in un momento come questo, in cui i populismi europei e nostrani alimentano l’odio per la democrazia rappresentativa, sia il caso di diffondere maggiormente la conoscenza storica, in modo da imparare dall’esperienza del passato per non abbassare la guardia sulle minacce del presente. Proprio a tal fine, intendo presentare a breve un progetto di legge che istituisca nella capitale una struttura simile a quelle che esistono a Berlino e in altre città europee, che racconti cos'era l’Italia sotto la dittatura e che sia dedicata allo studio della storia del fascismo e alla memoria delle vittime di questo regime.” Lo ha dichiarato Laura Garavini, segretaria di Presidenza del Gruppo PD alla Camera, in viaggio per Berna, dove presenzierà alle celebrazioni del 25 aprile.

 

La deputata PD ha poi concluso: “Festeggiare il 25 aprile significa ricordare le migliaia di italiane e italiani che, partecipando alla Resistenza, hanno contribuito alla sconfitta del nazifascismo. Ma significa anche riflettere a fondo su quale tragedia il fascismo italiano abbia significato per la storia europea. Fu il regime fascista, infatti, a distruggere per la prima volta in Europa una democrazia parlamentare e a instaurare un sistema a partito unico, che portò alla incarcerazione e alla eliminazione degli oppositori politici."

    

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)