Privacy Policy politicamentecorretto.com - Lo canonizzano, ma anche dal cielo Woytila non sembra essere uno stinco di santo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Lo canonizzano, ma anche dal cielo Woytila non sembra essere uno stinco di santo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Ha fatto due miracoli, affinché la Chiesa potesse innalzarlo agli onori degli altari. Due guarigioni scientificamente inspiegabili. E quando non possono spiegarsi scientificamente un fenomeno, la Chiesa e molti cristiani un po’ ingenui (non tutti, grazie a Dio),  ne attribuisco tranquillamente la causa al buon Dio o a qualche santo o alla Madonna. Papa Woytila dal cielo ha guarito suor Marie Simon Pierre Normand, affetta dal morbo Parkinson, e Floribeth Mora Diaz, una donna costaricana colpita da un aneurisma. Adesso, però, stranamente, papa Woytila il miracolo non l’ha voluto fare. E qualche malizioso potrebbe pensare: ormai il suo scopo d’essere canonizzato l’ha ottenuto. A Bergamo, una grande croce di legno eretta in onore del papa ormai santo, si è abbattuta su un giovane di ventun anni e l’ha ucciso. Papa Woytila avrebbe potuto trattenerla per un minuto, sì da dar tempo al giovane di fuggire, ma non ci ha proprio pensato. E dire che il bravo ragazzo si era recato lì, per festeggiare la sua santificazione. 
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie