Privacy Policy politicamentecorretto.com - Si festeggia il 150° Anniversario della Società Operaia di Massafra

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Si festeggia il 150° Anniversario della Società Operaia di Massafra

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

 

 

Nei prossimi giorni ricorrono i 150 anni dalla fondazione della Società Operaia di Mutuo Soccorso sorta a Massafra nel 1864 ad opera dell’avv. Angelo Casulli, col proposito (come si legge nel Proclama costitutivo) di... rimettere l’operaio nel suo nobile posto che gli è dovuto nella società, aprirgli nuove fonti di ricchezza, educargli il cuore e la mente al fine di formare un solo nucleo ed una sola famiglia, per meglio prosperare nella vita civile.

Per festeggiarli è stata organizzata una serie di attività. I due primi appuntamenti si terranno lunedì, 28 aprile. Alle ore 10.00 tutti sono inviati alla santa messa che sarà celebrata in piazza Vittorio Emanuele, mentre in serata, alle ore 20.30, presso il Teatro Comunale “Nicola Resta” (ingresso libero) sarà assegnata una targa ricordo ai membri più anziani della Società. Sempre nel corso della serata la premiazione dei vincitori del concorso fotografico “Promuovi Massafra con una foto” (indetto dalla stessa Società Operaia in collaborazione con Foto Color Liuzzi, Proloco Massafra e Archeogruppo “Espedito Jacovelli”), con giurati Adriano Di Bari (fotografo); Maria Renzelo (presidente Archeogruppo “E. Jacovelli”); Raffaele Zanframundo (presidente Pro Loco); Alessio Barulli (vicepresidente Società Operaia); Annalaura Maggi.

Al concorso hanno partecipato: Carmengrazia Assi con GRAZIE MASSAFRA; Giovanni Maraglino con A PIEDI NUDI VERSO IL CALVARIO (I RITI DELLA SETTIMANA SANTA A MASSAFRA); Angelo Palmisano con SCORCIO DI MASSAFRA – VIA MURO; Claudio Giasi con LA FONTE DEGLI OSTINATI; Stefania Arnoldi con IERI ED OGGI: DALLA CHIESA RUPESTRE AL DUOMO; Domenico D’Erchia con COLORI DI FESTA; Domenico Telesca con TRADIZIONE E FEDE OLTRE IL LIMITE; Michele Rossano con INTERNO GROTTA MAGO GREGURO; Francesco Petruzzi con LE PALME CHE FURONO; Maria Calderaro con L’ORO DELLA TEBAIDE; Centro diurno SS. Medici Massafra con SEMPRE CARO MI FU … QUEST’ANTICO BORGO; Ilaria Barulli con ROSA DI MASSAFRA; Vito Montemurro con I PANNI SPORCHI SI LAVANO IN CASA; Dario Oliva con PIAZZA GARIBALDI; Salvatore Fuggiano con MEDITAZIONE; Mary Putignano con UN RAGGIO DI SOLE PER MASSAFRA; Vita Maria Rosaria Cofano con GIOSTRA O ASTRONAVE?; Giuseppe Castellano con SI PARTE, ALLA SCOPERTA DI MASSAFRA; Giulio Mingolla con MASSAFRA FUTURA SOSTENUTA DAL PASSATO; Rocco Silvestri con COSI’ VICINE, COSI’ LONTANE; Katia Mota con CHIESA SS. MEDICI; Nicola Notaristefano con ARCHEOLOGIA DEL CARNEVALE OGGI – LA QUARANTANA; Graziano Tocci con SEDUTI DAVANTI AD UN BELVEDERE; Vincenzo Madaro con RIFLESSI DI VIA CAPREOLI; Vincenzo Russo con IL MASTIO; Marco Rossano con PANORAMICA BURRONE SAN MARCO; Vincenzo Lomonte con CRIPTA DI SAN SIMINE; Fratres Massafra con VISTI DA LASSU’; Francesca Putignano con SCORCI.

Interverranno varie autorità, tra cui il sindaco Martino Carmelo Tamburrano e l’assessore alla Cultura Antonio Cerbino.

Altri appuntamenti. Il 24 maggio presso la sede Società Operaia in Corso Italia, dalle 10.00 alle 13.00 funzionerà un ufficio postale temporaneo per apporre su una speciale cartolina creata da Annalisa Manfredi, autrice anche della cartolina invito per le celebrazioni del 150° anniversario, uno speciale annullo filatelico, il cui bozzetto è stato realizzato dal noto artista e grafico Nicola Andreace (dello stesso artista da ammirare la tela di grande formato dal titolo “Omaggio alla Società Operaia”).

Nel mese di dicembre 2014, infine, sarà presentato un volume in cui si percorrerà la storia massafrese, non solo guardando al passato (importante certamente per custodire una preziosa memoria), ma anche per rendere più forte ed acuta la coscienza del nostro presente.


Vogliamo ricordare che i festeggiamenti per tale ricorrenza sono già iniziati lo scorso anno, il 2 giugno 2013, con un’esposizione di immagini, documenti e tavole a fumetti, intitolata “Il Popolo sovrano: la nascita della Repubblica italiana”, per ricordare la scelta fondamentale operata dagli italiani col referendum del 1946, e della quale è stata anche realizzata una cartella contenente i documenti più rilevanti. Mostra che si deve in particolare ai soci Nicola Fabio Assi, Alessio Barulli e Luigi Consoli con la collaborazione di altre realtà associative del territorio, in primo luogo la sezione cittadina della CGIL ed il locale circolo filatelico “A. Rospo”.

Sempre nel 2013, dal 26 al 29 settembre, la sede del Sodalizio ha ospitato una mostra di immagini sacre e fotografiche riguardanti i Santi Medici e l’Arcangelo Michele, collegata all’annullo filatelico in occasione dell’Anno della Fede 2013.

Da ricordare ancora che, sempre al centro delle attività culturali cittadine, la Società Operaia nel 1971 ha pubblicato “Massafra nel Sec. XVI”, mentre dal 1968 al 1982, durante la presidenza di Espedito Jacovelli, ha pubblicato una serie di “Quaderni di studio sul Dialetto e sulle Tradizioni popolari massafresi”, collegati ad un concorso annuale sulla poesia dialettale, per non far cadere nell’oblio il ricco patrimonio legato al folklore, agli usi, ai costumi del territorio.

Tutto questo appartiene alla “Storia” del Sodalizio, che per Massafra è sinonimo di solidarietà, di progresso civile ed economico, di cultura, di arte, di tradizione.

Ricordiamo ancora che all’alba del terzo millennio la Società Operaia, nell’ambito dei festeggiamenti in onore della Protettrice di Massafra, la Madonna della Scala, ha pubblicato, in coerenza culturale del suo trascorso, una cartella dal titolo “Civiltà Mediterranea: Arti e mestieri, oggetti e soggetti del lavoro e della memoria”, opera grafica di Nicola Andreace con testi di Orazio Santoro e commento del critico d’arte Angelo Lippo.

Nel 2010, inoltre, nella sede della Società si è tenuto un cineforum dal titolo “Fondata sul lavoro”, i cui incontri sono stati introdotti da esperti nelle tematiche del lavoro in fabbrica, del precariato, del lavoro femminile, del mobbing e dei lavori usuranti.

Particolarmente orgogliosi, di quanto si è fatto in precedenza e di quello in programma, il direttivo ed i soci.

Per informazioni: socoperaia.massafra@gmail.com; alessio.barulli@yahoo.it; micheleassi@tin.it.

Nella foto di Nicola Fabio Assi, alcuni menbri della Società Operaia di Mutuo Soccorso.   In piedi (da sx a dx): Alfredo Conforti, Alessio Barulli, Luigi Consoli e Michele Maggi; seduti (da sx a dx): Paolina Antonacci (presidente), Cosimo Barulli, Nicola Simone e Gaetano Quero.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)