Privacy Policy politicamentecorretto.com - La Chiesa d'oggi non ha nulla da spartire con la prima comunità dei credenti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La Chiesa d'oggi non ha nulla da spartire con la prima comunità dei credenti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
Trascrivo alcune parole dell’omelia  pronunciata da papa Francesco per la canonizzazione di Giovanni XXXIII e di Giovanni Paolo II :  “Queste sono la speranza e la gioia che i due santi Papi hanno ricevuto in dono dal Signore risorto e a loro volta hanno donato in abbondanza al Popolo di Dio, ricevendone eterna riconoscenza. Questa speranza e questa gioia si respiravano nella prima comunità dei credenti, a Gerusalemme, di cui ci parlano gli Atti degli Apostoli (cfr 2,42-47). E’ una comunità in cui si vive l’essenziale del Vangelo, vale a dire l’amore, la misericordia, in semplicità e fraternità”. Riporto un paio di versetti citati dal Pontefice, per un confronto con la Chiesa attuale, compresi i partecipanti  alla splendida cerimonia: “Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; chi aveva proprietà e sostanze le vendeva  e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno” ( At 2,44 – 45). Come si vede, non si donava solo speranza e gioia, e neppure si faceva l’elemosina. Si teneva ogni cosa in comune.
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (0 inviato)