Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ieri il sindaco ha consegnato le Chiavi della Città alla Madonna della Scala di Massafra

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ieri il sindaco ha consegnato le Chiavi della Città alla Madonna della Scala di Massafra

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Ieri mattina, 4 maggio, il sindaco Martino Tamburrano, prima di affidare alla Vergine della Scala le simboliche “Chiavi della Città”, nel suo rituale discorso ha sottolineato il dovere, come istituzione locale, in questo momento di grave crisi economica ed esistenziale, di dare un messaggio altamente positivo, un’esortazione a non cedere alle difficoltà, trovando dentro di noi le forze per contrastarle e superarle.

Massafra (ha continuato il sindaco) guarda con attenzione alla riscoperta dei grandi valori che sono alla base della civile convivenza. La nostra storia (ha continuato Tamburrano) ci consegna grandi responsabilità ma anche grandi valori: il rispetto per la dignità della persona, il senso di giustizia, la democrazia, la capacità di dialogo, la solidarietà. Un grande patrimonio da custodire gelosamente e indispensabile a superare le odierne difficoltà”.

L’amministratore diocesano, Mons. Giuseppe Favale, rivolgendosi ai numerosi cittadini presenti all’atteso rito della consegna ha detto: “Oggi consegniamo alla Madonna le simboliche chiavi della città, ma dobbiamo affidarle anche quelle delle nostre case, affinché Lei possa entrarvi e proteggere sempre la nostra vita. Dobbiamo affidarci completamente a Lei così da vivere sotto il Suo benevolo sguardo”.

La protezione della Madonna della Scala risale al 1743 quando, in occasione di un devastante terremoto che colpì duramente molte località dell’Italia meridionale, Massafra fu graziata. Il popolo massafrese, attribuendo lo scampato pericolo all’intercessione della Madonna della Scala, la invocò come sua protettrice e ne chiese il riconoscimento al Papa che lo accordò nel 1776. Confermata la tradizione che vuole la Madonna portata “sempre” in processione per le strade della Città nella prima domenica di maggio. Infatti la pioggia ha cessato di cadere giusto il tempo necessario per consentirle il suo “pellegrinaggio” per le vie di Massafra. Nella foto di Luigi Serio il momento dell’intervento del sindaco Martino Tamburrano prima della consegna delle Chiavi della Città alla Madonna della Scala. Accanto a lui l’amministratore diocesano Mons. Giuseppe Favale, il capo gabinetto del Comune dott. Francesco Resta, don Michele Oliva, il vigile urbano con le Chiavi.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)