Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CALCIO DIRITTI TV, LE LEGGI DI MERCATO NON DEVONO PENALIZZARE GLI UTENTI”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

“Un fatto gravissimo. Il rischio è quello di dividere gli appassionati di calcio non per squadra di appartenenza ma per categorie sociali: chi ha i soldi può vedere le partite, chi non li ha è costretto a rinunciare al  calcio in tv e anche alla radio.” Lo dichiara il deputato dell’Udc, responsabile nazionale per lo Sport, Luciano Ciocchetti.  “La Rai svolge un servizio pubblico e fa pagare ai propri utenti un canone annuo, per questo non può, né deve,  lasciare il calcio nelle soli mani delle tv a pagamento. La Tv di Stato deve fare tutto il possibile per trovare un accordo a salvaguardia della visione in chiaro del calcio, ma anche la Lega Calcio deve fare la sua parte.   Le leggi di mercato non devono penalizzare i cittadini-utenti e soprattutto gli interessi delle parti coinvolte non devono togliere a milioni di italiani la gioia di vedere le partite in tv. C’è ancora qualche giorno di tempo – conclude Ciocchetti – speriamo che il buon senso alla fine prevalga sugli aspetti economici. ”

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)