Privacy Policy politicamentecorretto.com - 2 GIUGNO: FESTA DELLA REPUBBLICA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

2 GIUGNO: FESTA DELLA REPUBBLICA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

Carissimi connazionali,
 
in occasione della Festa della Repubblica desidero rivolgere a tutti voi il mio saluto sincero e il senso di una ideale partecipazione alla Festa della Repubblica italiana.
La Repubblica è nata dal crollo di una dittatura e dopo una guerra di rovine e di lutti. La festa della Repubblica, dunque, è festa di libertà, di democrazia, di pace, di solidarietà. E poiché non v’è persona che non aspiri a questi obiettivi, è la festa di noi tutti.
In questo momento, due valori costituzionali e repubblicani mi sembrano più evidenti degli altri: la solidarietà e i diritti. L’Italia ha bisogno della solidarietà di tutti i suoi figli, vicini e lontani, per superare una crisi che ha portato stagnazione e costi sociali gravi, soprattutto per le nuove generazioni. Il primo motivo di questa festa della Repubblica è, dunque, la solidarietà di tutti noi verso l’Italia. L’obiettivo prioritario è sostenerla nel suo cammino di ripresa economica e sociale e aiutarla a ricollocarsi nel mondo con dignità e prestigio.
La ripresa, tuttavia, può avvenire solo se l’Italia si rinnova. In Parlamento è aperto il cantiere delle grandi riforme, a partire da quelle costituzionali, che modificheranno l’assetto della nostra Repubblica. L’obiettivo è quello di avere un Paese più sobrio, più veloce, più moderno. In questo nuovo quadro è importante, tuttavia, per il bene dell’Italia, che siano pienamente riconosciuti i diritti di cittadinanza e di rappresentanza degli italiani all’estero. Per il bene dell’Italia, dicevo, perché un Paese che può contare nel mondo su milioni di cittadini riconosciuti e partecipi ha una grande leva nelle mani per il suo presente e per il suo futuro.
Sono certa che anche quest’anno questa importante ricorrenza civile sarà per tutti noi un momento di affratellamento e di profonda unione con la nostra terra d’origine.
Vi saluto cordialmente.

Viva la Repubblica italiana!
 
Francesca  La Marca 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)