Privacy Policy politicamentecorretto.com - All’Interclub di cinque Rotary Club jonici successo della relazione sulle “Frodi” dell’esperto mondiale prof. Gianni Fanizza

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

All’Interclub di cinque Rotary Club jonici successo della relazione sulle “Frodi” dell’esperto mondiale prof. Gianni Fanizza

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

La serata con conviviale organizzata dal Rotary Club di Manduria insieme a quelli di Taranto, Taranto Magna Grecia, Riva dei Tessali e Massafra sulle "Frodi occupazionali, finanziarie, contabili e di bilancio: tecniche di prevenzione, di indagine e deterrenti per il loro contenimento" ha fatto riscontrare un impensabile successo. Il relatore, rotariano del club di Bologna Gianni Fanizza, ha tenuto tutti i partecipanti intervenuti presso l'Eden Park Hotel  di Marina di Pulsano concentrati e attenti per tutto il tempo dello svolgimento della relazione.

Il prof.  Fanizza è un esperto mondiale nella lotta alle frodi, basti pensare che, tra i casi di cui si è dovuto occupare, vi sono anche quello della Parmalat, Emak, Johnson & Johnson,  Gruppo Falk, Natuzzi, ecc.

Forse perchè attraverso la conoscenza del fenomeno frodi ormai riscontrabile in tutto il mondo in tutte le attività imprenditoriali, commerciali e professionali ogni rotariano presente confidava nella possibilità di contribuire a combatterlo. Fatto sta che dai dati sciorinati da Gianni Fanizza è stato possibile conoscere i tipi di frodi (appropriazione indebita, frode informatica, corruzione, concorrenza sleale, riciclaggio, spionaggio industriale, proprietà intellettuale, falso in bilancio, concorrenza sleale) che vengono consumate  (34 per cento in Italia, 30 per cento in Europa e 34 per cento nel mondo sono le medie che mostrano allineato il nostro Paese) e l'enorme business che si concretizza a danno di aziende e singole persone della lunghissima catena costituita da attività, professioni e consumo.

Basti pensare che una tipica organizzazione che perde in frode il 5 per cento dei suoi ricavi, applicato al prodotto lordo mondiale produrrebbe con tale percentuale a una potenziale perdita di oltre 3.500 miliardi di dollari. Ma la concentrazione massima dell'attenzione si è rivelata quando il relatore ha tracciato la fotografia del tipico frodatore che si riscontra in entrambi i sessi: vivere al di sopra delle proprie possibilità; difficoltà finanziarie; rapporti inusuali tra venditore e cliente; il non voler dividere i compiti; divorziato o con problemi familiari; attitudine all'intrallazzo; irritabilità; retribuzione inadeguata; lagnanza di mancanza di autonomia e autorità, rifiuto di prendere le ferie; stile di vita instabile.                        

Peccato che non siano stati presenti rappresentanti degli Ordini dei commercialisti e degli avvocati, come pure quelli  dell'associazione degli imprenditori. L'interessante serata si è poi conclusa con i brevi interventi dell'assistente del governatore Pietro Mastrangelo e dei presidenti di tutti e cinque i clubs rotariani: Emanuele di Palma del Taranto; Antonio Biella del Taranto Magna Grecia; Luigi Severini del Riva dei Tessali; Donato Sanarico del Massafra e di Giovanni Galeandro presidente incoming del Manduria in rappresentanza del presidente Gabriele Liguori perchè impegnato all'estero.

Nella foto Il tavolo con i presidenti dei Club e l'assistente del Governatore: il quarto da sinistra è il prof. Gianni Fanizza.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)