Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero, via Scarlatti: il giallo delle panchine scomparse

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero, via Scarlatti: il giallo delle panchine scomparse

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

            In questi giorni gli abitanti della collina partenopea sono alle prese con un vero e proprio giallo, che riguarda il già precario arredo urbano dell’isola pedonale di via Scarlatti. Un’isola pedonale che a distanza di circa quindici anni dalla sua creazione manifesta tutti i segni del tempo, anche a ragione di evidenti carenze manutenzione. Tante le buche e le sconnessioni nella pavimentazione in cubetti di porfido, che generano ogni giorno cadute dei passanti, l’arredo urbano poi è sempre più precario. Molte le fonti d’albero vuote o con il solo ceppo ma il mistero che desta perplessità e rabbia in questi giorni è legato alla sparizione di alcune panchine, molto utilizzate specialmente delle persone anziane che ne approfittano per recuperare energie e per godersi il passeggio.

 

            “ La prima panchina a sparire è stata quella all’altezza del civico 197, dove un tempo vi era uno storico fioraio mentre di recente ha aperto un negozio di golosità, ponendo dinanzi all’esercizio tavolini, sedie ed ombrelloni che coprono anche le tracce della panchina scomparsa – puntualizza Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. L’altra panchina, scomparsa più di recente, si trovava all’altezza del civico 97, nei pressi di piazza Vanvitelli, dove si trovava un esercizio commerciale che aveva ospitato per oltre 80 anni un’attività nel settore del tessile e dove tra pochi giorni si annuncia l’apertura di un’altra gelateria che si aggiunge a quelle già presenti nella vicina pizza Vanvitelli “.

 

            “ Avevo già notato nei giorni scorsi  che questa seconda panchina all’improvviso dalal sera alla mattina si presentava con lo schienale rotto – afferma Capodanno -. Una rottura non facile da realizzare dal momento che l’anima di queste panchine è di ghisa, proprio per renderle più solide. Bisognava ripararla o comunque sostituirla. Invece, di lì a breve, è completamente sparita, senza alcuna sostituzione facendo nascere strane ipotesi tutte da verificare “.

            “ Peraltro – ricorda Capodanno - già in passato in piazza Vanvitelli erano scomparse altre panchine per lo più utilizzate da persone anziane che trovano riparo dal sole sotto gli alberi frondosi, destando malumori e proteste, tanto più che al loro posto erano spuntati tavolini, sedie ed ombrelloni “.

 

            “ Chiediamo, all’amministrazione comunale di Napoli, effettuati gli accertamenti del caso per i provvedimenti consequenziali, di ripristinare immediatamente le panchine eliminate, aggiungendone anche altre, laddove ciò si rendesse possibile vista la forte richiesta - prosegue Capodanno -. Andrebbero poi cantierati in tempi brevi i necessari e non più procrastinabili lavori manutentivi nell’intera isola pedonale di via Scarlatti, così come siamo in attesa che finalmente partano i lavori, più volte annunciati, di manutenzione straordinaria nei tratti pedonalizzati di via Luca Giordano, dove peraltro, a seguito del manifestarsi di alcuni avvallamenti, la corsia riservata tra piazza degli Artisti e via Carelli è transennato da quasi due anni, un vero e proprio record ad ennesima testimonianza della grave situazione di abbandono nelle quali versano le strade comunali del capoluogo partenopeo, al centro anche in questi giorni di episodi alla ribalta delle cronache “.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie