Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero: iniziata oggi la vendita dei beni fallimentari alla Loffredo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero: iniziata oggi la vendita dei beni fallimentari alla Loffredo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


 


 


         E’ iniziata stamani la vendita dei beni fallimentari della libreria Loffredo al Vomero, rappresentati principalmente da libri di vario genere, compresi quelli del settore scolastico – ricorda Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Vendita che proseguirà anche nella giornata di domani “.


 


         “ Stamattina – afferma Capodanno -, passando intorno alle 12,00 dinanzi all’ingresso in via Kerbaker si notava un gruppo di persone in attesa di entrare per visionare ed acquistare la merce offerta a metà presso. Di certo non c’è stata la stessa ressa che si registrò circa due anni fa quando un’analoga vendita riguardò la libreria Guida Merliani. Effetto presumibilmente della crisi economica, ulteriormente aggravatasi negli ultimi tempi “.


 


“ Sono molto colpito ed addolorato da questa chiusura che depaupera il quartiere di uno dei pochi luoghi di cultura e d’incontro ancora a disposizione di un quartiere, dove, pure in un passato non lontano, c’erano diverse librerie, attualmente tutte scomparse. Di quell’epoca sopravvivono solo le bancarelle dei librai in via Luca Giordano, presenti sin dalla fine degli anni ‘70 – puntualizza Capodanno –. Anche se personalmente non mi rassegno e non rinuncio all’idea che, superato questo difficile momento, la libreria in questione,  pure con l’intervento delle istituzioni, che sino ad oggi sono rimaste alla finestra, possa tornare ad operare nel quartiere, seppure con una collocazione diversa. In questa direzione lancio questo ennesimo appello, auspicando che venga raccolto anche dai tanti che , in oltre 30 anni di vita, hanno avuto modo di frequentare la storica libreria di via  Kerbaker e sono ad essa affezionati“.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie