Privacy Policy politicamentecorretto.com - Tifoserie calcistiche e treni. Stato di Diritto e Stato di Emergenza. L'inefficienza di Trenitalia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Tifoserie calcistiche e treni. Stato di Diritto e Stato di Emergenza. L'inefficienza di Trenitalia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

La tifoseria calcistica della squadra del Napoli che "assale" un treno per prendervi posto e raggiungere la propria squadra, potrebbe essere un'immagine di ordinaria amministrazione: chi non ha vissuto come protagonista l'assalto ai treni che avviene in alcuni periodi o orari di punta? Nella fattispecie i tifosi della squadra del Napoli sono solo stati quello che chiunque avrebbe potuto aspettarsi, violenti. E quindi la vicenda fa piu' notizia anche per questo, oltre al fatto del primo giorno di campionato bla bla.
Rimane, tutto, il problema del treno sovraffollato. Secondo il questore di Napoli, tutti i tifosi erano muniti di biglietto, per cui avevano il diritto di prendere un treno che, tra l'altro, era facilmente intuibile dovesse essere intorno a quell'ora di mattina si' da giungere in tempo per l'inizio della partita di calcio a Roma. Quindi Trenitalia ha venduto quei biglietti speciali per un evento speciale, ma non ha garantito il convoglio per il trasporto. I tifosi hanno fatto quello che avrebbe fatto qualunque possessore di biglietto che aveva da prendere un treno per essere non oltre una certa ora al proprio appuntamento, ovviamente coi loro modi violenti inaccettabili. I passeggeri gia' presenti sull'Intercity delle 9,24 Napoli-Roma hanno reagito con l'altrettanto usuale metodo che chiunque utilizzerebbe per garantirsi l'incolumita', hanno abbandonato (piu' o meno volontariamente) i vagoni e hanno probabilmente dovuto attendere i comodi di Trenitalia perche' concorrenti magari piu' efficienti non ce ne sono.
Ci sono quindi due questioni. Quella dell'ordine pubblico e quella del diritto al trasporto.
Su queste, col senatore Marco Perduca ho predisposto una interrogazione ai ministri dell'Interno, Roberto Maroni, e delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli. A Maroni per sapere cosa intende fare, dal momento in cui pare che quando ci sia una partita di calcio, allo Stato di Diritto venga sostituito quello di Emergenza, per cui tutto e' giustificato pur di mantenere la situazione sotto controllo. A Matteoli, per sapere se l'azienda monopolista del trasporto ferroviario possa vendere biglietti speciali per eventi speciali senza premunirsi di garantire poi il mezzo di trasporto, se non espropriando il diritto al trasporto di altri passeggeri.


Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data alberto cecchetti, 01 Settembre, 2008 18:16:49
    ...dovrebbero somministrare il "palloncino" anche ai giornalisti, prima di scrivere...