Privacy Policy politicamentecorretto.com - Al Rotary Club Taranto Magna Grecia passaggio del martelletto da Antonio Biella ad Antonio Rubino

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Al Rotary Club Taranto Magna Grecia passaggio del martelletto da Antonio Biella ad Antonio Rubino

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 “Qualcuno dice che il Rotary non è più quello di una volta? Bene, è giusto così, perché il Rotary deve evolversi con la società”. Sono state queste le prime dichiarazioni di Antonio Rubino, nuovo presidente del Rotary Club Taranto Magna Grecia, all’affollata platea di soci, consorti e ospiti presenti alla cerimonia del passaggio del martelletto. Antonio Rubino ha raccolto il testimone da Antonio Biella che ha presieduto il Club durante lo scorso anno. Il Rotary Taranto Magna Grecia prosegue, così, nel suo cammino di naturale evoluzione nel solco della tradizione o, come pochi giorni prima ha affermato il Governatore Luigi Palombella, <In discontinuità nella continuità>. Un Rotary, aveva affermato poco prima, nella sua relazione conclusiva, il presidente Biella, che lo scorso anno ha spalancato porte e  finestre per consentire alla città di vedere cosa è e cosa fa il Rotary. “Perché noi agiamo (ha ancora sottolineato il nuovo presidente) ci sporchiamo le mani, consumiamo le scarpe per rispondere, lì dove è possibile, ai bisogni delle persone”. Rubino ha annunciato che in questo 2014/15 proseguirà, in linea con la tradizione del Rotary Magna Grecia, a occuparsi del Borgo Antico, con progetti mirati in favore delle attrezzature sportive della parrocchia di San Giuseppe e dell’asilo Paolo VI; inoltre, sul campo culturale, il feel rouge dell’anno sarà la famiglia con tutti i suoi valori. Al termine, il neopresidente ha reso noto la composizione del Consiglio direttivo che sarà composto da Marcello D’Ippolito presidente incoming, Antonio Biella pastpresident, Maria Teresa Basile presidente noninato, Martino Cecere segretario, Angelo Lecito tesoriere,  Roberto Giua prefetto, e dai consiglieri Franco Dell’Erba, Rosanna Miolli, Fabio Ninfole e Tiziana Pica, e da Ettore Salvatore come istruttore di Club. I lavori, come accennato, erano stati aperti per l’ultima volta dal presidente Antonio Biella che aveva tracciato un consuntivo incentrato sui service (il più importante è stato consegnato proprio di recente: una cella frigo per la scuola professionale gestita dalle suore Missionarie del Sacro Costato) ; e sulle attività  culturali che, quest’anno, sono state aperte volutamente alla città. Tra queste, quelle di maggiore successo sono state  l’interclub  con l’intervista pubblica all’Arcivescovo  Mons. Santoro su “Le parole nuove di Papa Francesco”; il convegno sullo stimolante tema “Te la do io la capitale della cultura”; il convegno di carattere giuridico su “La tutela dei minori e la riforma della filiazione”; e l’incantevole concerto di beneficenza dell’Orchestra della Magna Grecia diretta dalla rotariana M° Deborah Tarantini, alla Nuova Base Navale. Nella foto il passaggio del martelletto da Antonio Biella a Antonio Rubino.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie