Privacy Policy politicamentecorretto.com - Vomero, via Scarlatti: continuano a spuntare tavolini e sedie

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Vomero, via Scarlatti: continuano a spuntare tavolini e sedie

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Dieci anni fa difficoltà per spegnere un incendio

 

         “ Oramai l’isola pedonale di via Scarlatti e delle strade limitrofe a tutto somiglia fuorché ad un’isola felice dove i pedoni possono transitare in tranquillità – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Come se non bastassero le autovetture e gli automezzi in generale che transitano e sostano ad ogni ora del giorno, dal momento peraltro che è previsto il parcheggio di diverse vetture autorizzate, vengono rilasciati permessi per l’occupazione di suolo di ogni tipologia “.

 

         “ Si va dalle cosiddette “mostre espositive “, ai gazebo per prodotti di ogni tipo, dalla telefonia alle serrature per le abitazioni  - puntualizza Capodanno -. Ci sono poi banchetti di ogni forma, dimensione e colore destinati all’esposizione di cani e di gatti, oltre che alle raccolte di fondi per le più svariate attività “.

 

         “ Ma – prosegue Capodanno - di questi tempi impazzano perlopiù tavolini e sedie, a servizio delle attività di esercizio pubblico, sorte nell’area pedonale e, segnatamente, nel tratto di via Scarlatti, laddove invece sono misteriosamente scomparse due panchine dell’arredo urbano mai più tornate al loro posto “.

 

         “ Stamani l’ennesimo “caso” – puntualizza Capodanno – dal momento che tavolini e sedie sono comparse anche nei pressi della fontana, posta quasi al centro dell’isola, creando peraltro un ostacolo al deflusso delle autovetture su uno dei due varchi, anche a quelle adibite al pubblico soccorso, come le ambulanze ed i mezzi dei vigili del fuoco, che adesso possono transitare solo lungo uno dei due tratti di strada, lasciati liberi dalla fontana, essendo stato l’altro occupato “.

 

         “ La mente è corsa ad un grave episodio, troppo facilmente dimenticato, che occorse circa dieci anni fa, per l’esattezza il 13 marzo del 2004, quando un megastore che occupava il piano terra ed il primo piano di un edificio ad angolo tra via Luca Giordano e via Scarlatti s’incendiò e i mezzi dei vigili del fuoco trovarono non poche difficoltà per arrivare sul posto e domare l’incendio. Fortunatamente non ci furono vittime ma i locali furono devastati, subendo notevoli danni “.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie