Privacy Policy politicamentecorretto.com - A Taranto presso l’Idroscalo “Luigi Bologna” la mostra “Il volo in aria e in arte” a cura delle Associazioni ANUA e L’Impronta

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

A Taranto presso l’Idroscalo “Luigi Bologna” la mostra “Il volo in aria e in arte” a cura delle Associazioni ANUA e L’Impronta

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Il volo come tema: da quello vero, eroico, degli antichi idrovolanti che decollavano e ammaravano nelle placide acque del Mar Piccolo di Taranto; a quello fantasioso e poetico di una collettiva di quadri e sculture. E’ il connubio attuato l’altra sera all’Idroscalo “Luigi Bologna”  di Taranto(in occasione del prossimo Giuramento del 25 luglio) grazie all’intelligente opera del magg. Aldo Marturano, presidente della locale sezione dell’Anua (Associazione Nazionale Ufficiali Aeronautica); degli artisti dell’Associazione Culturale “L’Impronta” guidati dal presidente Arturo Camerino; e – naturalmente e soprattutto – dal padrone di casa, il Comandante della Svtam (ex Saram) col. Roberto Leo. Una prova, quella dei pittori e scultori de L’Impronta, che pur nei più diversi stili si inserisce nel filone storico del volo delle macchine inventate dagli uomini come propulsore d’ispirazione così come avvenne (indimenticabilmente) per la  corrente artistica del Futurismo che vedeva, nei primi aerei che solcavano i cieli, la più grande espressione di movimento e velocità non disgiunti dalla componente più prettamente umana dell’eroismo. Faceva pensare al Futurismo, quest’incontro fra aviatori di oggi e di ieri con artisti locali; faceva pensare al Vate D’Annunzio con la sua impresa del volo su Vienna con undici Ansaldo S.V.A. per lanciare volantini di propaganda; ma faceva soprattutto pensare ai meravigliosi idrovolanti Cant Z 501 e 506, i “gabbiani” di Mar Piccolo, coi quali Italo Balbo, nel ’29, salpando proprio da qui, dalle acque di Ebalia, compì l’epica trasvolata sino a Odessa. Temi, sensazioni, emozioni che si sono fusi negli interventi dal palco del presidente Anua, magg. Aldo Marturano, del giovane comandante della Svtam, col.  Roberto Leo, del presidente Arturo Camerino de L’Impronta, dell’artista Mary Sgobba, autrice dello stemma araldico della Scuola Svtam, e di Giovanni Amodio, critico d’arte. Il col. Leo ha ringraziato tutti i suoi collaboratori e, in particolare, i tenenti col. Corona e Tundo.  Il presidente Anua, magg. Marturano (che ha menzionato i suoi più diretti collaboratori, il segretario, gen. Rossini e il magg. Clary) ha consegnato le tessere Anua come soci benemeriti al col. Leo, comandante Svtam; al col. Andrea Marradi, comandante 16° Stormo Martina Franca; e al t.col. Piergiorgio Farina, comandante 65° Deposito Territoriale A.M. di Taranto. Inoltre, ha donato il crest dell’associazione agli sponsor: al dott. Michele Sgura, presidente della Compagnia portuale Neptunia; e al dott. Pietro Pupino, agente capo della Sara Assic. Taranto. Altri crest al presidente de L’Impronta Arturo Camerino; alla pittrice Mary Sgobba; al critico d’arte Gianni Amodio; al comandante  pilota dei mitici (e pericolosi) F 104, Santo Crucè; e agli artisti dell’ Accademia Mezzogiorno Musicale che si sono esibiti al termine della serata per ulteriormente impreziosirla: il giovane fisarmonicista Nicola Ippolito, un virtuoso di appena 14 anni; e la cantante Giovanna Guadagno. In sala erano esposti i dipinti di Elio Bruni, Marcello Buccolieri, Cetty Buzzerio, Antonio Camardi, Arturo Camerino, Maria Chiarofonte, Luciana Cucci, Liliana De Bellis, Luciana De Ciro, Rosanna De Pasquale, Antonella De Santis, Leo Di Castri, Margherita Fallico,  Gianfranco Gatto, Rocco Grippa, Letizia Lo Prete, Leo Lotito, Pasquale Portacci, Maria Pia Putignano, Eliana Primicino, Vincenzo Rusciano, Orlando Salvatore, Giuliana Taglialatela, Spyridon Trousas, Francesca Vetrano, Francesca Zanghi; e le sculture di Fabio Pierri Pepe e Augusto Bruschi. Quest’ultima, in particolare, troneggiava al centro della sala: una imponente scultura in legno d’ulivo, nello stile ormai inconfondibile di Bruschi, raffigurante un rapace. “Attraverso le loro opere – ha commentato il presidente Marturano – ritroviamo le suggestioni del volo per cui l’arte si fa estrinsecazione del fascino del volo come vertigine divina e movimento che non delimita  lo spazio ma abbraccia  il mondo con le ali della fantasia”. Il 25 luglio, come accennato, si svolgerà la cerimonia del giuramento dei volontari e, in serata, l’Orchestra da Camera di Taranto con  Franco Mezzena e Nancy Barnaba terrà un concerto (musiche di Bach e Vivaldi). Nella foto alcuni componenti dell’Associazione Nazionale Ufficiali Aeronautica (ANUA) con alcuni pittori dell’Associazione “L’Impronta”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)