Privacy Policy politicamentecorretto.com - La tragedia di Gaza. Mia breve replica a Sergio Romano

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La tragedia di Gaza. Mia breve replica a Sergio Romano

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
 
 
Sergio Romano, sul Corriere della sera del 29 luglio, ha pubblicato la seguente mia breve lettera:

“Israele ha tutto il diritto di difendersi. Una frase ripetuta da molti: ma di norma la legittima difesa deve essere proporzionata all’offesa (non posso sparare contro chi sta per assestarmi uno schiaffo), e ovviamente deve essere rivolta contro l’ingiusto aggressore. Se la mia difesa comporta anche involontariamente la morte d’innocenti, non è giusta. Israele non può fare una strage di bambini per difendersi da Hamas. Detto questo, bisognerebbe appurare se anche quella di Hamas non sia legittima difesa. Non c’è forse un popolo potentissimo che opprime un popolo debolissimo? Non c’è un popolo oppressore e un popolo oppresso?”. Ed ha risposto, tra l’altro: “Cara Signora, Il portavoce del governo israeliano le risponderebbe che Hamas si fa scudo della popolazione e si serve di luoghi civili (un ospedale, una scuola, una moschea) per nascondervi i propri razzi o farne rampe di lancio; e aggiungerebbe che le vittime civili sono la inevitabile ricaduta di questa strategia. È probabilmente vero. Ma non è meno vero che l’uso militare della popolazione civile appartiene alla storia dei rapporti arabo-israeliani sin dal 1948, se non addirittura dai tempi della Palestina mandataria”.

Al portavoce del governo Israeliano, ed anche ai due signori ebrei che mi hanno scritto protestando, farei osservare che la irresponsabilità dei militanti di Hamas, non giustifica la irresponsabilità del governo d’Israele, salvo non si dimostri che Israele si sia trovata nell’assoluta impossibilità di trovare vie pacifiche per fermare Hamas.

Il governo israeliano dovrebbe farsi onestamente qualche semplice domanda: Israele ha la coscienza a posto nei riguardi dei Palestinesi? I coloni israeliani si trovano entro i confini d'Israele oppure sul territorio  palestinese? Israele ha cercato tutte le vie possibili per la pace, prima di fare strage d'innocenti? Tra l'altro, e questo non so se poi sia giusto, però io dai membri del popolo di Dio, mi aspetterei un comportamento più responsabile di quanto possa aspettarmi dai militanti di Hamas.
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (0 inviato)