Privacy Policy politicamentecorretto.com - LOTTA ALLA FAME? IN FRANCIA SI FA COSI'

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LOTTA ALLA FAME? IN FRANCIA SI FA COSI'

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Rubrica "EUROPA E NUOVO STATO SOCIALE"

 


Forse un buon sistema per fare l’Europa è guardare cosa fanno gli altri Paesi sul piano dell’assistenza sociale. Cominciamo prendendo in considerazione la lotta alla fame che è probabilmente la lotta più drammatica in assoluto e vediamo come si comportano in materia, ad esempio, i nostri cugini francesi. Dall’Ambasciatore di Francia in Italia, Alain Le Roy, abbiamo appreso che lo Stato francese delega a Centri Comunali di Azione Sociale (presieduti dal sindaco) una competenza globale nel vasto settore dell’azione sociale.

Questi Centri aiutano e sostengono le fasce più deboli della società e vengono considerati come il mezzo privilegiato attraverso il quale la solidarietà pubblica, nazionale e locale può realmente esercitarsi. Per quanto riguarda il problema alimentare ci sono varie tipologie di aiuti sociali diretti, in natura (con cestini, pacchi) o finanziari (con sussidi per le mense, buoni alimentari, aiuti in denaro). “I centri”, spiega l’Ambasciatore, “permettono alla gente di recarsi presso gli alimentari sociali ovvero negozi solidali di prodotti alimentari, o in un ristorante sociale. Questa vasta gamma di aiuti, offerta di fronte all’emergenza di alcune situazioni estreme, permette di dare una risposta precisa e appropriata ad ogni situazione”.

Tramite, poi, il nuovo Fondo europeo per gli aiuti agli indigenti, la Francia mette delle derrate alimentari a disposizione delle banche alimentari e delle organizzazioni caritative come le Secours Populaire, les Restos du Cœur, la Croix Rouge. Inoltre, numerosi comuni hanno aperto dei ristoranti solidali e numerose reti di associazioni offrono un servizio di mense. “Parigi”, ha ricordato l’Ambasciatore, “può contare su sette ristoranti solidali in vari quartieri. Ogni ristorante può servire la sera fino a 150 pasti gratuiti. Inoltre, i Restos du cœur, finanziati per un terzo da denaro pubblico e per due terzi da donazioni private, è la più diffusa rete di mense per i poveri di Francia. Nel 2011, l’associazione ha servito oltre 109 milioni di pasti, a 860 mila beneficiari, grazie alla mobilitazione di 60 mila volontari in tutta la Francia”.
Poi c’è l’assistenza sanitaria, ma di questo parleremo la prossima volta.


--

Convergenza Socialista
Partito politico socialista e di sinistra


Sitoweb
http://convergenzasocialista.com/


email:
convergenzasocialista@gmail.com
cstesorerianazionale@gmail.com


Twitter
https://twitter.com/ConvSocialista

Pagina Facebook
https://www.facebook.com/pages/Convergenza-Socialista/171587339621711


Gruppo Facebook

https://www.facebook.com/groups/117198678431356/

Invia commento comment Commenti (0 inviato)