Privacy Policy politicamentecorretto.com - Lavavetri e Sindaci/sceriffo. Per il Tar non si ha diritto a contestarli

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Lavavetri e Sindaci/sceriffo. Per il Tar non si ha diritto a contestarli

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Il TAR Toscana ha emesso  la sentenza nel "caso lavavetri" (1), dichiarando il ricorso inammissibile perche' l'attivita' di lavavetri non e' "giuridicamente riconosciuta".
La vicenda. Il 25 agosto 2007 il sindaco di Firenze, Leonardo Domenici, emetteva una ordinanza con cui creava un nuovo reato: "fare il lavavetri". Una ordinanza illegale e illegittima, contro cui ho iniziato un giudizio innanzi al Tar perche' ne dichiarasse l'illegittimita'. Il giorno prima dell'udienza, dopo esser stato "cassato" dalla Procura della Repubblica che archivio' tutti i procedimenti in corso, il Sindaco sostitui' l'ordinanza con una seconda in cui, eliminato il "reato di lavavetri", vietava a chiunque "nelle strade cittadine e agli incroci semaforici, di avvicinarsi agli automobilisti, durante talune fasi della circolazione per offrire attivita' di pulizia vetri o fari dell'automezzo e aspettarsi, in conseguenza l'elargizione di danaro". Anche contro questa ordinanza e' stato fatto ricorso avanti al TAR.
Il motivo del ricorso era per la tutela del principio di legalita': un Sindaco non puo' creare norme penali, ne' attribuirsi poteri che non gli appartengono. Non puo' -in pratica- giocare a fare lo sceriffo in barba alla legalita' e ai poteri che la legge gli conferisce: oggi sono illegali i lavavetri, domani i matrimoni con gli extracomunitari, e dopodomani?
La sentenza del Tar Toscana lascia allibiti. Il Tribunale dichiara inammissibile il ricorso poiche' non esiste "il lavoro" di lavavetri. Le motivazioni sono a dir poco inverosimili:
1 - il Tribunale nega che esista il lavoro di lavavetri e dunque, non essendo una "attivita' lavorativa giuridicamente riconosciuta", nessuno puo' agire in giudizio contro l'ordinanza fiorentina. Ma non e' proprio cosi', in Italia -almeno cosi' dovrebbe essere- tutto cio' che non e' vietato dalla legge e' consentito. Dunque poiche' nessuna legge vieta di svolgere il lavoro di lavavetri, tale attivita' e' legittima. Del resto lo stesso regolamento comunale di Firenze prevedeva che i lavavetri per esercitare il loro mestiere dovessero chiedere una autorizzazione (autorizzazione da me richiesta e negata poiche' non "prevista nelle linee programmatiche adottate attualmente dall'Amministrazione Comunale").
2 - Il TAR spiega che fare il lavavetri non e' un lavoro poiche' i lavavetri non hanno un tariffario. Si legge nella sentenza: "Tale non riconducibilita' (ad una attivita' lavorativa) e' comprovata anche dal fatto che alla pulitura del parabrezza o dei fari, da parte del cosiddetto "lavavetri" non consegue un obbligo di corrispettivo di danaro da parte dell'automobilista e, comunque, quand'anche questi elargisca una somma di danaro per tale pulizia, detta somma riveste mero carattere di liberalita' non sussistendo, peraltro, al riguardo alcun tariffario".
3 - Infine, spiega il Tar, che bisogno c'e' dei lavavetri quando esistono gli autolavaggi? Letteralmente si legge: "Del resto, esistono apposite strutture (garage, stazioni di servizio, ecc.) debitamente autorizzate al lavaggio di automezzi". Lavare un intero veicolo e' un lavoro, lavarne una parte no. Mah!
Questa sentenza, purtroppo, si inserisce armonicamente in un trend iniziato dal Sindaco di Firenze: un Comune si puo' sottrarre ai principi di legalita' e certezza della pena che sono alla base dell'ordinamento italiano, usando poteri di polizia. Trend poi proseguito da altri Sindaci, fino a diventare obiettivo dell'attuale Governo, al fine di regolamentare situazioni di disagio sociale con metodi sproporzionati e inutili.
La sentenza, infine non fa vincere il Sindaco di Firenze sconfiggendo me, ma crea solo uno sconfitto: lo Stato di diritto. Sto valutando coi miei legali se ricorrere al Consiglio di Stato.
(1) Qui la sentenza: http://www.aduc.it/dyn/documenti/20080905-sentenzaTarToscana.doc

Qui tutti i comunicati sull'argomento: http://www.aduc.it/dyn/ricerca/?ricerca=lavavetri&tipo=comu

Invia commento comment Commenti (0 inviato)