Privacy Policy politicamentecorretto.com - Programma speciale su “Spazio Giovane TV” sul ritorno delle reliquie di Padre Luigi Varetto, dopo 25 anni, da Buenos Aires a Mar del Plata.

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Programma speciale su “Spazio Giovane TV” sul ritorno delle reliquie di Padre Luigi Varetto, dopo 25 anni, da Buenos Aires a Mar del Plata.

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Il programma ideato e prodotto da Marcelo Carrara ha dedicato una puntata al “ritorno” di padre Varetto a Mar del Plata: a 25 anni dalla sua scomparsa, infatti, i resti mortali di padre Varetto sono stati deposti all'ingresso della parrocchia "San Jose", con una grande cerimonia religiosa presieduta dal vescovo diocesano Monsignor Antonio Marino, alla presenza della comunità dei fedeli.
Padre Varetto apparteneva alla "Pequena Obra de la Divina Providencia" della "Obra Don Orione en Argentina"; aveva conosciuto da giovane il fondatore della congregazione, San Luigi Orione, e per questo motivo era considerato uno dei suoi discepoli diretti. Per oltre 40 anni è stato il sacerdote della città di Mar del Plata, dove è stato anche il direttore e docente di falegnameria della Scuola di Arti e Uffizi "Pablo Tavelli",
luogo di studio per la grande maggioranza dei falegnami ed ebanisti della città.
È stato tra i fautori dello sviluppo della frazione di Mar del Plata chiamata "Sierra de los Padres", a 10 chilometri dalla città, attualmente di grande sviluppo residenziale, tanto che la sua via principale è intitolata proprio al prete veneto.
Monsignor Marino, nella sua omelia, ha ricordato la figura del sacerdote per la sua "lucida intuizione pedagogica" di promuovere il movimento scout come metodo educativo per i bambini ed i giovani. Il vescovo ha quindi esortato tutti a non dimenticare il lascito di Varetto e a continuare la sua strada, seguendo il suo esempio.
Presente alla cerimonia anche il sindaco di Mar del Plata, Gustavo Pulti.
Per ultimo il ricordo della Società Italiana "Le Tre Venezie" di Mar del Plata, associazione fondata tra gli altri proprio da Padre Varetto e che, quest’anno, celebra i suoi primi 60 anni di attività.
La Commissione Direttiva ha voluto rendere omaggio a Varetto con un documentario sulla vita del prete che, durante gli ultimi anni, si faceva chiamare in veneto "Povero Veccio".
La puntata di “Spazio Giovane” propone dunque un viaggio sulla sua vita con immagini e materiale audiovisivo.
Padre Varetto era nato a Mira (Venezia) il 16 aprile 1908. A Tortona si accostò alla vita sacerdotale, contribuendo alla costruzione del santuario della Vergine della Guardia, e venne consacrato dallo stesso don Orione nel 1931.
Emigrato a Buenos Aires nel 1935, fonda il “Battaglione di esploratori”, esperienza formativa dedicata ai più piccoli, e giunge poi nel 1946 a Mar del Plata, dove resta per tutta la sua vita. Qui, nella parrocchia di San Josè, fonda il gruppo scout 196, dirige la scuola arti e mestieri “Pablo Tavelli”, contribuisce alla nascita del cinema “Don Orione”, divenuto poi punto d’incontro importante per la collettività veneta e italiana emigrata, e promuove la costituzione di compagnie teatrali e musicali.
Dedicò un’attenzione particolare ai giovani – costituendo nel 1966 il primo distretto scout di Mar del Plata e dando vita a centri di aggregazione come la Villa Don Orione a Bariloche ed un centro ricreativo a lui intitolato – e agli emigranti, in particolare veneti, contribuendo anche alla fondazione di “Le Tre Venezie

Invia commento comment Commenti (0 inviato)