Privacy Policy politicamentecorretto.com - FINALMENTE SI RINNOVANO I COMITES. ORA TOCCA A NOI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

FINALMENTE SI RINNOVANO I COMITES. ORA TOCCA A NOI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
 
 

E così, quando ormai non ci credeva più nessuno, il Governo, con quello che gli atleti chiamano uno scatto di reni, è riuscito a mettere finalmente sui giusti binari il rinnovo dei COMITES. Dopo dieci anni di onorato, e talvolta estenuato, servizio, nel mese di dicembre si procederà a nuove elezioni che – è l’augurio di tutti – dovrebbero portare forze fresche ad organismi basati sulla partecipazione e il volontariato.
Nonostante l’insistenza con cui tutti noi abbiamo continuato a chiedere la fine di questo stato di sospensione della democrazia tra i cittadini italiani all’estero, si era ormai tacitamente diffusa la convinzione che il nuovo regolamento elettorale proposto dal Governo, sul quale le commissioni parlamentari avevano fatto osservazioni non di poco conto, era così complesso che la sua effettiva operatività avrebbe comportato tempi incompatibili con la scadenza del 31 dicembre di quest’anno, fissata nella famosa legge del terzo rinvio. E invece bisogna dare obiettivamente atto al Ministro Mogherini di avere mantenuto la parola, andando al di là degli schemi prefigurati dai funzionari del MAE e riuscendo a reperire risorse aggiuntive, quasi un miracolo di questi tempi. Nello stesso tempo, è giusto riconoscere che il Sottosegretario Giro nella gestione della delega per gli italiani nel mondo sta dando prova di un’attenzione e di uno spirito di concretezza che francamente vanno al di là delle previsioni. Bene. Anche se questa vicenda fa seguito a quella dolorosa della chiusura dei consolati e di alcuni istituti di cultura, quando c’è un punto a favore del tanto discusso personale di governo italiano bisogna avere il coraggio di riconoscerlo, senza alcun propagandismo, anche a costo di andare controcorrente rispetto ad un’opinione pubblica tendenzialmente orientata ai giudizi sommari.
 Leggi tutto >>
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)