Privacy Policy politicamentecorretto.com - Buenos Aires rende omaggio a Nino Manfredi

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Buenos Aires rende omaggio a Nino Manfredi

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Buenos Aires rende omaggio a Nino Manfredi, il grande attore italiano scomparso dieci anni fa. Prenderà infatti il via a fine settembre nella capitale argentina un ciclo di film per ricordare uno dei protagonisti, accanto a Gassman, Tognazzi, Mastroianni e Sordi, della "commedia all'italiana".

L'evento è organizzato con il sostegno dell'Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires e con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri italiano.
Dal 26 settembre al 26 ottobre presso il Kino Palais dell’Espacio de Cine al Palais de Glace verranno proiettate alcune delle pellicole più significative di Manfredi, come "A cavallo della Tigre" di Luigi Comencini (1959), "Audace colpo dei soliti ignoti" di Nanni Loy (1959), "Io la conoscevo bene" di Antonio Pietrangeli (1965), "Operazione San Gennaro" di Dino Risi (1966), "Il padre di famiglia" di Nanni Loy (1967), "Per grazia ricevuta" di Nino Manfredi (1970) e "In nome del Papa Re" di Luigi Magni (1977)

Nell’ambito del “Verano italiano”, da martedì prossimo andrà in scena a La Plata “La commedia all’italiana di ieri e di oggi”. La rassegna – promossa dall’IIC di Buenos Aires con i Consolati di Buenos Aires e di La Plata – proporrà fino al 12 settembre quattro film italiani, di ieri e di oggi.

Ad inaugurare la rassegna – che sarà ospitata dal Salon Cultural del Seguros Rivadavia (Avenida 7 esq 47) – sarà un grande classico di Lina Wertmuller datato 1972: “Mimì metallurgico ferito nell’onore”. Nel cast Giancarlo Giannini e Mariangela Melato.
Seguiranno “Mediterraneo” di Salvatores (10 settembre), “Generazione 1000 euro” di Massimo Venier (11 settembre) e, infine, “Ex” di Fausto Brizzi (12 settembre). Tutte le proiezioni inizieranno alle 18.00.

Continuano a Bahia Blanca i festeggiamenti per il 25° anniversario del Centro Marchigiano. Per l’occasione, il baritono anconetano Giacomo Medici farà tappa proprio a Bahia Blanca con il suo spettacolo “Pasion y canto” in questi giorni in tour in Argentina.

Lo spettacolo - organizzato in collaborazione con il Consolato generale, il Comites e l’associazione “Il David” – si terrà lunedì prossimo, 8 settembre, dalle 19.30 nella sede del Centro (Rondeau 224).
In “Pasión y Canto”, le melodie tradizionali italiane incontrano il tango: la voce di Medici è accompagnata dalla fisarmonica di Eduardo Giorgio.

Grande successo sabato scorso, 30 agosto, per la ventesima edizione del Festival tributo a Domenico Modugno a Mar del Plata, che si è svolto nel salone principale della Federazione delle Società Italiane di Mar del Plata e zona.

Il Festival, spiega Spazio Giovane che era presente all’evento, ricorda ogni anno la figura di uno dei più grandi cantautori italiani di tutti i tempi.

Coordinato da Pedro Liotine, presidente di CEBAMAR - Camera di Imprenditori Baresi di Mar del Plata, la serata è iniziata con la proiezione di un video documentario sulla vita di "Mimmo", poi la corale dell’associazione, la lettura di diverse poesie di Modugno - tra le quali una letta dal presidente del Comites di Mar del Plata, Rafael Vitiello - e finalmente i tenori, cappegiati da Carlos Ferrari.
Presenti all’evento il console d’Italia a Mar del Plata, Marcello Curci, il presidente del Comites Vitiello, il presidente della Federazione delle Società Italiane di Mar del Plata e zona, Giovanni Radina, diversi presidenti di associazioni italiane ed i rappresentati della stampa italoargentina, ai quali Cebamar ha consegnato un diploma per diffondire e promuovere l’opera e la vita del grande Modugno.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)