Privacy Policy politicamentecorretto.com - TRA 5 ANNI L'ITALIA SARA' PIU' FORTE

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

TRA 5 ANNI L'ITALIA SARA' PIU' FORTE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


 
 
Il nostro Ministro dell'Economia Giulio Tremonti, ha detto che tra 5 anni il nostro Paese sarà più forte, ed è vero, se possiamo valutare la situazione economica di altri Paesi, potremo vedere la differenza. Il nostro sistema industriale si è ristrutturato, la disoccupazione del nostro Paese è del 6%, le nostre esportazioni sono aumentate di 60 miliardi di euro, pari alla crescita di quelle di Francia e Gran Bretagna insieme. L'unica cosa che ci manca è avere una indipendenza energetica, quindi, il nostro governo dovrà puntare a realizzare senza se e senza ma, la costruzione delle nuove centrali nucleare, in cui, la Finmeccanica potrebbe utilizzarne parte per la produzione di armi nucleari destinati alla nostra Difesa, e i nostri politici, potrebbero diminuirsi i loro privilegi e stipendi aiutando così ad eliminare il precariato esistente nel nostro Paese.
 
 
 
Quando tornerà a contare la manifattura e il nostro Paese ne trarrà i benefici, dovremo tener conto di attuare con le priorità del nostro Paese come, l'eliminazione del precariato, il sostegno ai nostri Connazionali residenti all'estero, aumento degli investimenti all'istruzione (Scuola, Università, ricerca) prioritario per il futuro del nostro Paese e delle nuove generazioni, investimento alla Difesa (Carabinieri, Marina Militare, Aeronautica Militare, Esercito e Polizia) importante per la difesa del nostro Paese, degli interessi nazionali e della nostra economia, investiamo di più anche con l'ASI, Proprio in questi tempi, dove esiste una corsa alla conquista dello spazio e proprio oggi che si parla di guerra stellare, il nostro Paese non potrà stare a guardare, ci costringe ad agire ed aumentare gli investimenti nel campo spaziale.
 
 
Visto che ci siamo resi conto della potenzialità del nostro Paese, mi auguro e faccio un appello perché, la nostra classe politica non si aumentino i loro privilegi e i loro stipendi che già è così alto, anzi, credo etico e morale dover togliere qualche privilegio e diminuire lo stipendio, portandole alla pari dei privilegi e degli stipendi delle altre classe politiche dell'Ue e degli Stati Uniti. Per saperne qual'è la differenza della classe politica di Stati Uniti e dell'Ue, con la nostra classe politica, ci basta soltanto paragonare la spesa pubblica degli Stati Uniti e dell'Ue destinata ai privilegi e stipnedi della loro classe politica con la spesa pubblica del nostro Paese destinata soltanto ai privilegi e stipnedi della nostra classe Politica.
 
Alberto Calle - Redattore - Sintesi Dialettica

Invia commento comment Commenti (0 inviato)